Sei in: Home » Articoli

Cassazione: enti sportivi devono risarcire danni se non hanno fatto rispettare obbligo di visita medica

calcio id10507
Gli enti sportivi sono tenuti a garantire la tutela alla salute dei loro tesserati e devono pertanto fare in modo che chi pratica sport agonistici si sottoponga a visita medica. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione spiegando che, se ciò non accade, si rischia di pagare un maxi risarcimento. Sulla base di questo principio gli Ermellini hanno convalidato una condanna al pagamento di più di 270.000 euro inflitta ad un'associazione sportiva in favore della moglie di un calciatore piemontese che era stato colto da un malore durante una partita di calcio ed era morto poi negli spogliatoi in seguito ad ischemia miocardica. Nel corso del giudizio si era accertato che lo sportivo era stato ammesso al torneo senza essere sottoposto a visita medica con relativo esame elettrocardiografico sotto sforzo.
Questo accertamento, spiega la Corte, avrebbe messo in evidenza una patologia di cui era affetto il calciatore. La società sportiva è stata quindi condannata a risarcire i danni patrimoniali e non patrimoniali dalla Corte d'appello di Torino, e la condanna è stata ora confermata in cassazione. Inutile il tentativo di difendersi da parte dell'associazione sportiva che aveva provato a sostenere che la competizione a cui aveva preso parte il calciatore non doveva considerarsi agonistica. Altre informazioni su questa setnenza La Suprema Corte ha respinto il ricorso dell'Acsi e ha sottolineato che "gli enti sportivi sono tenuti a tutelare la salute degli atleti anche attraverso la prevenzione di eventi pregiudizievoli la loro integrita' psicofisica e ne rispondono in relazione all'operato dei propri medici e del personale". Pertanto, aggiunge piazza Cavour, "il non avere l'Acsi predisposto un regolamento del torneo con la previsione dell'obbligo di visita medica e il non avere l'associazione sottoposto a visita medica Giancarlo V. o quantomeno chiesto idonea e adeguata certificazione medica ai fini della partecipazione al torneo, di natura agonistica, comporta il sorgere della responsabilita' con consequenziale obbligo al risarcimento dei danni". L'Acsi e' stata inoltre condannata a sborsare 7200 euro per le spese processuali.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/07/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF