Sei in: Home » Articoli

Cassazione: medico deve informare la paziente della possibilità di interrompere gravidanza se ci sono malformazioni

medico
Con la sentenza n. 15386, depositata il 13 luglio 2011, la Corte di cassazione ha stabilito, che il sanitario, qualora formuli una diagnosi di normalità morfologica del feto anche sulla base di esami strumentali che non hanno consentito, senza sua colpa, di visualizzare il feto nella sua interezza, ha l'obbligo di informare la paziente della possibilità di ricorrere a un centro di più elevato livello di specializzazione, in vista dell'esercizio da parte di quest'ultima del diritto di interrompere la gravidanza, ricorrendone i presupposti. In seguito al rigetto della domanda di risarcimento danni proposta dai genitori di una bambina nata con gravi malformazioni, sia in primo che in secondo grado, i genitori proponevano ricorso per cassazione richiedendo il risarcimento del danno nei confronti del medico e della relativa Asl di Frosinone a causa della mancata diagnosi di gravi malformazioni presenti nel feto nel corso della gravidanza portata avanti dalla madre e della mancata informazione. In sostanza, una donna, nonostante una diagnosi di normalità del feto, aveva dato alla luce una paziente gravemente malformata.
La Corte, ritenendo il mezzo fondato, ha precisato che “riguardando la domanda risarcitoria anche (…) la mancata informazione si è rivelata impeditiva della facoltà, per la gestante, di interrompere la propria gravidanza”. Sussiste per questo motivo “la responsabilità del sanitario, siccome tenuto, comunque, ad informazione, in relazione alla possibile inidoneità delle attrezzature usate”.
Vai alla pagina per scaricare la sentenza 15386/2011
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/07/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Niente stupro se la vittima dice basta ma non urla
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Negoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invitoNegoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invito
Se Equitalia sbaglia paga spese e danniSe Equitalia sbaglia paga spese e danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF