Sei in: Home » Articoli

Palazzo Chigi: nuove regole per la commercializzazione delle acque minerali

acqua
È stato approvato dal Consiglio dei Ministri uno schema di decreto legislativo che recepisce una direttiva europea sull'utilizzazione e la commercializzazione delle acque minerali naturali e che si pone l'obiettivo di garantire una maggiore tutela della concorrenza e della salute dei consumatori. Il decreto si occupa delle acque minerali naturali e delle acque di sorgente. Le prime sono considerate quelle acque che “provengono da una o più sorgenti naturali o perforate e che hanno caratteristiche igieniche particolari ed, eventualmente, proprietà favorevoli alla salute”. Si distinguono dalle normali acque potabili per alcune caratteristiche relative alla purezza e alla presenza di minerali e di oligominerali. Sono considerate "acque di sorgente" quelle “destinate al consumo umano, allo stato naturale e imbottigliate alla sorgente, che, avendo origine da una falda o giacimento sotterraneo, provengano da una sorgente con una o più emergenze naturali o perforate, le cui caratteristiche sono valutate sulla base di criteri geologici, organolettici, fisici, chimici, microbiologici”. Chi vuole ottenere il riconoscimento di un'acqua minerale naturale o di sorgente deve inviare apposita domanda al Ministero della Salute con la documentazione necessaria a fornire indicazioni sulla caratteristiche dell'acqua. Il riconoscimento deve chiederlo il titolare di concessione o subconcessione mineraria e l'utilizzo della sorgente è comunque subordinato all'autorizzazione regionale che deve prima verificare se gli impianti siano stati realizzati in modo tale da escludere il pericolo di inquinamento e da conservare determinate proprietà dell'acqua.
(12/07/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Stalking: reato cancellato con i soldi … anche se la vittima non vuole
» Usucapione: il possesso dei genitori si trasmette ai figli
» Multe non pagate? Niente passaporto
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reatoAvvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo