Sei in: Home » Articoli

Cassazione: gestore parcheggio non risponde dei furti se ha esposto cartello che lo esonera

parcheggio
In tema di sosta di veicoli in aree a pagamento, le Sezioni Unite civili hanno affermato che si può escludere, in caso di furto, la responsabilità del gestore concessionario del Comune di un parcheggio senza custodia, laddove sia esposto, in modo percepibile e prima della conclusione del contratto, il cartello che comunica la non assunzione dell'obbligo del gestore di custodire i veicoli parcheggiati. In particolare, con la sentenza n. 14319, depositata il 28 giugno 2011, il massimo consesso di Piazza Cavour, nella parte motiva della sentenza ha precisato che “l'istituzione da parte dei comuni, previa deliberazione della Giunta, di aree di sosta a pagamento ai sensi dell'art. 7, primo comma, lettera f), d. lgs. 30 aprile 1992 n. 285 (codice della strada), non comporta l'assunzione dell'obbligo del gestore di custodire i veicoli su di esse parcheggiati se l'avviso parcheggio incustodito è esposto in modo adeguatamente percepibile prima della conclusione del contratto (artt. 1326, primo comma, e 1327 cod. civ.) perché l'esclusione della custodia attiene all' oggetto dell' offerta al pubblico (art. 1336 cod. civ.), e l' univoca qualificazione contrattuale del servizio, reso per finalità di pubblico interesse, normativamente disciplinate, non consente il ricorso al sussidiario criterio della buona fede, ovvero al principio della tutela dell'affidamento incolpevole sulle modalità di offerta del servizio (quali ad esempio l'adozione di recinzioni, di speciali modalità di accesso ed uscita, dispositivi o personale di controllo), per costituire l'obbligo della custodia, potendo queste costituire organizzazione della sosta.
Vai alla pagina per scaricare il testo della sentenza n. 14319/2011
(03/07/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Stalking: reato cancellato con i soldi … anche se la vittima non vuole
» Usucapione: il possesso dei genitori si trasmette ai figli
» Multe non pagate? Niente passaporto
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
In evidenza oggi
Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reatoAvvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per leggeAvvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo