Sei in: Home » Articoli

Comunione ereditaria: Cassazione, coerede può usucapire se si atteggia a unico proprietario

lucchetto catena proprieta id10445
Una decisione della Corte di Cassazione in tema di usucapione nell'ambito della comunione ereditaria: con la sentenza n. 14467 depositata il 30 giugno scorso, la seconda sezione civile del Palazzaccio ha stabilito che il coerede usucapisce, ex art. 1158 c.c., gli altri beni del de cuius se prova in giudizio di atteggiarsi a proprietario esclusivo. Non è infatti sufficiente solo il mero disinteresse degli altri coeredi ma è necessario il manifestarsi dell'animus possidendi in termini di “esclusività” e non di comproprietà. Secondo il giudizio dei giudici di legittmità trasfuso nelle dieci pagine di motivazione, il coerede è a un tempo comproprietario e compossessore dei cespiti ereditati e, pertanto, risulta perfettamente in grado di usucapirne l'intero a seguito del possesso ventennale, pacifico, non violento ed ininterrotto.
Affinchè il coerede usucapisca l'intero, hanno precisato i giudici di ultima istanza, “è necessario non solo il “disinteresse” degli altri coeredi al possesso della cosa, quanto e soprattutto “l'estensione del possesso” da parte del coerede, ossia il manifestarsi del suo animus possidendi in termini di esclusività, ergo di proprietà e non già di comproprietà. Il coerede, in sostanza, che è già compossessore “animo proprio" ed a titolo di comproprietà, non è tenuto ad un mutamento del titolo, ma solo ad una estensione dei limiti del suo possesso. Il coerede, nel possesso del bene ereditario comune ad altri eredi, per acquistare il bene posseduto non pertanto ha bisogno di alcuna interversione: ciò che conta è esclusivamente l'animus possidendi, il quale, lungi dal trasformare il detentore in possessore, comporta invece la mutazione “qualitativa” di un possesso che già si manifestava in termini proprietari, pur nell'ambito di una comunione”.
Vai alla pagina per scaricare il testo della sentenza n. 14467/2011
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/07/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF