Sei in: Home » Articoli

CIGS: perdita del trattamento in caso di mancata comunicazione all'INPS

La Corte di Cassazione con la sentenza 22 giugno 2011, n. 13577 si è pronunciata sul trattamento di integrazione salariale (CIGS). La finalità della CIGS, erogata dall'Inps, è integrare o sostituire la retribuzione dei lavoratori al fine di fronteggiare gravi situazioni di eccedenza occupazionale che potrebbero portare a licenziamenti di massa. Per avere questa prestazione economica il lavoratore deve possedere determinati requisiti che sono la condicio sine qua non della Cassa Integrazione. Secondo l'art. 8 del DL 86/1988 (convertito dalla L. 160/1988), l'interessato è obbligato a comunicare preventivamente all'INPS lo svolgimento di qualunque tipo di attività lavorativa che, in astratto, secondo le regole di comune esperienza, sia idonea a produrre reddito, mentre è irrilevante che l'attività stessa non sia prevalente o non sia remunerativa, sicché non è necessaria la prova relativa alla concreta produzione di reddito per effetto dell'attività in questione. Infatti il lavoratore che svolge attività di lavoro autonomo o subordinato, durante il periodo di integrazione salariale, non ha diritto al trattamento per le giornate di lavoro effettuate. La sola attività lavorativa compatibile con la continuazione della CIGS è il lavoro temporaneo e saltuario, ma anche in questo caso è necessaria la comunicazione all'Inps, pena la decandenza dal diritto al trattamento.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/06/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF