Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il giudice non può ridurre la nota spese senza adeguata motivazione

giudice sentenza martello
Quando la parte ha presentato una specifica nota spese il giudice nel liquidare diritti ed onorari non può limitarsi a una globale determinazione in misura inferiore a quanto richiesto essendo necessaria un'adeguata motivazione che indichi le ragioni dell'eliminazione o della riduzione di voci operata. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (Sentenza 12461/2011) specificando che tale motivazione è indispensabile per consentire, attraverso il sindacato di legittimità, “l'accertamento della conformità della liquidazione a quanto risulta dagli atti e alle tariffe, in relazione all'inderogabilità dei relativi minimi, a norma dell'art. 24 l. n. 794 del 1942”. Nel caso di specie il Giudice di merito pur in presenza di dettagliate note spese, non aveva “offerto elementi argomentativi volti a chiarire quali voci avesse ritenuto non attribuibili, affidando la determinazione della somma complessiva di diritti e di onorari a enunciazioni generiche ed astratte, prive di riferimenti concreti alla fattispecie in questione, ai fini della verifica del rispetto dei minimi tariffari”.
Risorse collegate:
Calcolo nota spese avvocato
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/06/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF