Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente mantenimento ai figli bamboccioni

Figli bamboccioni? Se sono maggiorenni perdono il diritto al mantenimento. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione facendo notare che i genitori sono tenuti a mantenere i figli anche dopo diciott'anni ma l'obbligo cessa se provano che i loro figli hanno raggiunto l'indipendenza economica oppure sono stati posti nella concreta possibilitÓ di essere autosufficienti ma che di tale opportunitÓ non hanno tratto colpevolmente profitto. La decisione Ŕ della terza sezione civile della Corte che si Ŕ occupata del caso di una coppia romana separata il cui figlio maggiorenne era stato affidato alla madre sin da quando era minorenne.
Il padre una volta che il figlio aveva raggiunto la maggiore etÓ aveva sostenuto di non dover pagare pi¨ il mantenimento e aveva fatto notrare (nella controversia con la ex moglie) che suo figlio aveva anche acquisito la legittimazione ad ottenere dall'altro genitore il contributo al proprio mantenimento. Sulla questione della legitimazione la Corte ha dato ragione all'ex moglie spiegando che "la legittimazione del figlio divenuto maggiorenne non esclude quella della madre affidataria e titolare dell'assegno di mantenimento per il figlio in base alla sentenza di divorzio, dovendosi ribadire che il coniuge separato o divorziato, gia' affidatario del figlio minorenne, e' legittimato anche dopo il compimento da parte del figlio della maggiore eta', ove sia con lui convivente e non economicamente autosufficiente, ad ottenere dall'altro coniuge un contributo al mantenimento del figlio". In relazione all'obbligo di mantenimento dei figli maggiorenni, la Cassazione torna invece a ribadire che l'obbligo vige solo se il figlio "incolpevolmente non ha raggiunto l'indipendenza economica".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/06/2011 - N.R.)
Le pi¨ lette:
» Cassazione: il giudice non pu˛ mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennitÓ di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF