Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente busta paga? depenalizzata evasione

''Il delitto di omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali non e' configurabile a carico del datore di lavoro nel caso di mancata corresponsione delle retribuzioni ai dipendenti''. Lo ha stabilito la Cassazione a Sezioni unite penali accogliendo il ricorso di Mario S., un imprenditore dell'Abruzzo condannato ad un mese di carcere e 400 euro di multa (detenzione sostituita con 1125 euro) per non aver versato all'Inps le ritenute sulle retribuzioni dei dipendenti del novembre e dicembre del '95. Secondo le Sezioni Unite (sentenza 27641) l'''obbligo di versare le ritenute nasce soltanto al momento della effettiva corresponsione della retribuzione, sulla quale le ritenute devono operare''. In sostanza se gli imprenditori finiti in crisi non pagano gli stipendi pur mantenendo in piedi l'attivita' aziendale non commettono piu' il reato di omesso versamento all'Inps delle ritenute da fare in busta paga.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/07/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF