Sei in: Home » Articoli

Cassazione: divieto di dimora per i 'palazzinari' recidivi

Divieto di dimora per i 'palazzinari' recidivi. Lo ha stabilito la Cassazione che ha ripristinato il divieto di dimora a due costruttori napoletani di Giuliano, indagati per abuso edilizio. Secondo la Suprema Corte soltanto allontanando i costruttori che commettono abusi si riesce ad ''impedire la reiterazione dei reati''. Per effetto della sentenza della Terza sezione penale, Guglielmo e Giuseppe C., che a Giuliano costruirono un palazzo di tre piani in cemento armato ognuno dei quali di 460 metri quadri in zona sismica e vincolata, non potranno piu' abitare nel loro paese.
Indagati per abuso edilizio, ai due fratelli napoletani era stato inflitto il divieto di dimora dal gip di Napoli, il 27 novembre del 2002. Divieto che era stato cancellato in appello dal Tribunale partenopeo nel gennaio del 2003 che aveva ritenuto piu' che sufficiente l'obbligo per i due costruttori di presentarsi al commissariato. Questo gia' bastava come ''deterrente psicologico'', in quanto gli ufficiali di pubblica sicurezza, diceva sempre il Tribunale, avrebbero potuto controllare la ''futura condotta degli indagati''. Contro lo sconto di pena ha protestato in Cassazione la Procura di Napoli ed ora la Terza sezione penale (sentenza 26477) ha accolto il ricorso facendo ''rivivere il provvedimento illegittimamente annullato''. ''E' solo questa la misura idonea ad impedire la reiterazione dei reati'', ha sancito piazza Cavour che ha ritenuto di non prestare ascolto alle richieste della Procura della Cassazione rappresentata da Guglielmo Passacantando che aveva chiesto il rigetto del ricorso del collega napoletano.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/07/2003 - Adnkronos)
Le pił lette:
» Diritto all'indennitą di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF