Sei in: Home » Articoli

Cassazione: assegno di divorzio? La convivenza non vale

Per l'assegno di divorzio la convivenza non vale. Pertanto al coniuge che ne ha diritto e che non e' passato a nuove nozze spetta una indennita' di fine rapporto che tenga conto della ''durata effettiva del matrimonio'' non avendo alcun valore il periodo di convivenza. Lo ha stabilito la Cassazione che ha respinto il ricorso di Alberto B., un medico di Modena che dopo il divorzio dalla moglie era stato condannato a versarle una indennita' di fine rapporto pari al 40%, oltre ad un assegno di mantenimento di 1250 euro mensili. Il professionista ha protestato a piazza Cavour, sostenendo che per l'indennita' si doveva considerare il periodo di convivenza con esclusione di quello succesivo alla separazione.
Per la Suprema Corte invece bisogna considerare ''la durata del matrimonio e non gia' quella della effettiva convivenza'' poiche' va ''valorizzato il contributo che il coniuge piu' debole normalmente continua a fornire durante il periodo di separazione, soprattutto nel caso in cui sia affidatario di figli minori''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/06/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Avvocati: sanzionato chi tratta la causa senza il collega avversario
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Accordi prematrimoniali: in arrivo la legge
In evidenza oggi
Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizioneAvvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF