Sei in: Home » Articoli

Rifiuti speciali e pericolosi, da settembre in vigore il Sistri

Il Ministero dell'Ambiente rende noto che è stato raggiunto l'accordo con Confindustria e Rete Imprese per rimodulare l'entrata in vigore del Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti speciali e pericolosi. Il Sistri entrerà in vigore dal° settembre c.a., e sarà attuato, in un percorso di progressivo coinvolgimento di tutte le imprese italiane, “ nel comune intento di mettere in campo un sistema capace di coniugare trasparenza, semplificazione amministrativa, tutela della legalità.” E' lo stesso Ministro Stefania Prestigiacomo a sottolineare, in un comunicato, l'importanza dell'intesa raggiunta con Confindustria e la Rete Imprese: il Sistri “è stato pensato per agevolare il lavoro delle imprese non certo per complicarlo. Credo che la rimodulazione in chiave di progressività dell'entrata in vigore del Sistri sarà utile a collaudare al meglio il sistema e aiuterà le aziende a prendere confidenza con le nuove procedure elettroniche”. La fase di entrata in vigore del Sistri inizierà il 1°settembre 2011, quando saranno coinvolte le aziende con oltre 500 dipendenti, gli impianti (smaltimento e incenerimento) e i trasportatori autorizzati a carichi annuali di oltre 3000 tonnellate di rifiuti. Progressivamente, in varie tappe, già dal mese successivo (1° ottobre c.a.), saranno coinvolte le altre aziende con numero di dipendenti inferiore.
Il Ministero dell'Ambiente rende noto, inoltre, che nella prima fase le eventuali sanzioni saranno attenuate, al fine di permettere alle aziende di recepire, in pieno, il nuovo accordo.
(30/05/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Contratto di convivenza: come funziona
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF