Sei in: Home » Articoli

Cassazione: impossibilitÓ del "repechage", non sufficiente la mancata assunzione di altri lavoratori

In tema di obbligo di "repechage" del lavoratore licenziato per giustificato motivo oggettivo, legato a ragioni produttive e organizzative dell'impresa, la mancata assunzione di nuovi lavoratori nel reparto indicato per l'eventuale reimpiego del lavoratore, non Ŕ sufficiente a ritenere assolto l'obbligo di "ripescaggio". E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 11356 del 24 maggio 2011, ha ritenuto fondato il motivo sollevato dal lavoratore licenziato in merito alla sussistenza delle condizioni per ritenere adempiuto l'onere probatorio avente ad oggetto l'obbligo datoriale di cercare di utilizzare il lavoratore in altro posto di lavoro. In particolare la Suprema Corte ha precisato che il convincimento del giudice d'appello, in ordine al raggiungimento della prova circa l'assolvimento dell'obbligo di repechage da parte della societÓ - vale a dire quello per il quale non erano state effettuate nuove assunzioni nei reparti in cui il lavoratore aveva manifestato la sua disponibilitÓ ad essere reimpiegato - "poggia su un dato che potrebbe essere semplicemente occasionale o, in ipotesi, voluto e che pertanto, non pu˛ dare contezza dei reali sforzi seguiti in concreto dalla parte datoriale nell'assolvimento del predetto obbligo".
(27/05/2011 - L.S.)
Le pi¨ lette:
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato pu˛ anche lavorare gratis
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se pu˛ trovarsi un lavoro
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Autovelox e tutor: al via le nuove regole
In evidenza oggi
Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticantiAvvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
Vietare alla moglie di truccarsi integra il reato di maltrattamenti in famigliaVietare alla moglie di truccarsi integra il reato di maltrattamenti in famiglia
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF