Sei in: Home » Articoli

Cassazione: infortunio sul lavoro, responsabilità penale del componente del CdA responsabile della gestione aziendale

Con sentenza n. 19555 del 18 maggio 2011, la Corte di Cassazione ha affermato la responsabilità penale del componente del Consiglio di Amministrazione nonché responsabile della gestione aziendale, in ordine all'infortunio occorso ad un dipendente della società che aveva "inavvertitamente appoggiato la mano sulla lama della macchina rettificatrice il cui funzionamento non aveva provveduto ad arrestare allorché aveva allungato la stessa mano nel tentativo di fermare la caduta a terra di uno dei pezzi che aveva allineato sulla macchina". Nello specifico i Giudici di legittimità, confermando la sentenza della Corte d'Appello, hanno stabilito che la circostanza che alla produzione dell'evento avesse concorso la parte offesa, con condotta imprudente - "per aver fatto eccessivo affidamento sulla pregressa esperienza e sulla reiterazione delle stesse operazioni" - non solo non vale ad escludere la responsabilità dell'azienda ma tantomeno può escludere la sussistenza dell'aggravante del fatto commesso in violazione delle norme antinfortunistiche, in particolare dell'art. 35, comma 1, D.Lgs. n. 626 del 1994. Infatti, si legge nella sentenza, "l'infortunio si era verificato perchè la macchina rettificatrice - già obsoleta all'epoca del fatto - non era stata adeguata agli specifici congegni di sicurezza, individuati dal progredire della tecnica".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/05/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF