Sei in: Home » Articoli

Codacons: stangata per automobilisti da federalismo fiscale. Rincari IPT fino al 700%

Cattive notizie per i consumatori. Secondo quanto denuncia il Codacons il federalismo fiscale, introdotto dal D. Lgs. 6 maggio 2011, n. 68, “rappresenterà una sciagura per una categoria specifica di cittadini: gli automobilisti”. L'allarme è arrivato dal Comitato contro le speculazioni e per il risparmio, di cui fanno parte Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori (Casper). L'aggravio della pressione fiscale in favore delle casse provinciali comporterà, infatti, una stangata per chi guida e possiede un'automobile.
In base al Decreto le Province possono imporre una tassa aggiuntiva sulle polizze rc auto con un rincaro medio di 25 euro a polizza. Ma c'è di più. L'imposta provinciale di trascrizione (IPT) che si paga quando si acquista un autovettura sarà calcolata con nuovi parametri che tengono conto della potenza e della classe d'inquinamento dei veicoli nella legge di stabilità di fine anno. Viene inoltre abrogata l'agevolazione oggi esistente per le auto nuove e usate acquistate presso concessionari e rivenditori. In questo caso il rincaro può arrivare al 700%. Le associazioni di casper dichiarano che "E' impensabile, in un momento in cui gli automobilisti italiani sono massacrati dal caro-benzina e le polizze rc auto registrano rincari annui a due cifre, introdurre ulteriori aumenti per arricchire le casse delle province. Si tratta di provvedimenti sbagliati che tra l'altro danneggiano una categoria in particolare: quella degli automobilisti. E tutto questo avviene in attesa di sopprimere le Province, come recita la legge sul federalismo fiscale. Una vera e propria presa in giro per tutti gli italiani!'".
(22/05/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF