Sei in: Home » Articoli

Cassazione: assunzione a termine, le esigenze aziendali possono risultare anche con riferimento agli accordi collettivi

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 10346/2011, ha affermato la legittimità dell'apposizione di termine ad un contratto di lavoro anche nel caso in cui l'esplicitazioni delle ragioni che presiedono a tale esigenza - che devono risultare specificate, a pena di inefficacia, in apposito atto scritto e che il datore di lavoro ha l'onere di indicare in modo circostanziato e puntuale, al fine di assicurarne la trasparenza e la veridicità - risultino indirettamente dal contratto di lavoro, in particolare nel caso in cui, data la complessità e l'articolazione del fatto organizzativo, tecnico o produttivo che è a base della esigenza di assunzione a termine, questo risulti analizzato in specifici documenti, specie a contenuto concertativo, richiamati nella causale di assunzione. Infatti, spiegano i giudici di legittimità, sebbene nel nuovo quadro normativo di cui al D.leg. n. 368 del 2001, alla contrattazione collettiva non spetti più un autonomo potere di qualificazione delle esigenze aziendali idonee a consentire l'assunzione a termine, tuttavia, la mediazione collettiva ed i relativi esiti concertativi restano pur sempre un elemento rilevante di rappresentazione delle esigenze aziendali in termini compatibili con la tutela degli interessi dei dipendenti.
In particolare "spetta al giudice di merito accertare, con valutazione che, se correttamente motivata ed esente da vizi giuridici, resta esente dal sindacato di legittimità, la sussistenza di tali presupposti, valutando ogni elemento, ritualmente acquisito al processo, idoneo a dar riscontro alle ragioni specificatamente indicate con atto scritto ai fini dell'assunzione a termine, ivi compresi gli accordi collettivi intervenuti fra le parti sociali e richiamati nel contratto costitutivo del rapporto."
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/05/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF