Sei in: Home » Articoli

Inadempimento degli obblighi di assistenza. Acquisti non necessari ecludono difficoltà economiche

Il coniuge, obbligato a corrispondere l?assegno di divorzio all?ex moglie, non può esimersi da tale adempimento lamentando difficoltà economiche quando sia accertato che abbia effettuato spese voluttuarie. Lo ha stabilito la Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 17916/2003) precisando che la lamentata difficoltà economica dell?obbligato deve essere provata con estremo rigore e che non può ritenersi giustificato l?inadempimento, anche solo parziale, del versamento dell?assegno quando, anche di fronte a un tracollo finanziario del marito, è provato che lo stesso abbia ?sostenuto notevoli spese per consumi non necessari?. Con questa decisione la Suprema Corte ha confermato la condanna per la violazione degli obblighi di assistenza familiare, inflitta a un uomo che aveva negato l?assegno all?ex coniuge affermando difficoltà economiche ma che, nel contempo, aveva acquistato, per la figlia, telefonini cellulari, ricariche, viaggi e diversi scooter.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/06/2003 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF