Sei in: Home » Articoli

Cassazione: va processato Tossicodipendente che commette reato anche se era in crisi di astinenza

Anche se in crisi di astinenza, il tossicodipendente che commette un reato può essere processato. È con una recente sentenza che la Cassazione ha enunciato questo principio di diritto. Secondo i giudici della Suprema Corte, lo stato di agitazione in cui si trova il tossicodipendente che riduce la dose abituale realizza una mera condizione di stato emotivo e non passionale. Tale stato non inciderebbe sugli ambiti dell'intendere e volere, la cui incidenza, al contrario risulta necessaria affinchè il soggetto agente possa non essere ritenuto responsabile del reato contestatogli.
La Corte ha poi aggiunto che tale situazione può solo incidere nell'ambito del trattamento sanzionatorio. La sesta sezione penale ha dunque bocciato il ricorso presentato dalla difesa di un tossicodipendente, condannato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali in preda ad una crisi di astinenza.
Altre informazioni sulla sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/05/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF