Sei in: Home » Articoli

Cassazione, arresto facoltativo in flagranza: recidiva reiterata non rileva sul calcolo pena edittale

Le Sezioni Unite penali, con la sentenza n. 17386 depositata il 5 maggio 2011 hanno stabilito che, per calcolare la pena edittale, ai fini della verifica della facoltatività dell'arresto in flagranza (artt. 381 e 379 c.p.p.), e più in generale per la determinazione della pena agli effetti dell'applicazione delle misure cautelari (art. 278 c.p.p.), non si deve tener conto della recidiva reiterata. Il massimo consesso penale di Piazza Cavour ha osservato che “la recidiva, nelle ipotesi in cui comporta un aumento della pena superiore ad un terzo, determina certamente gli effetti propri di una circostanza aggravante ad effetto speciale (secondo il principio enunciato da queste Sezioni Unite – con specifico riferimento alla recidiva di cui all'art. 99, comma quinto, cod. pen….) il che non è assolutamente incompatibile con la natura di “circostanza inerente alla persona del colpevole” che il legislatore (art. 70 cod. pen.) ha espressamente attribuito alla recidiva (in genere)”. Dopo aver illustrato le varie soluzione giurisprudenziali che, nel corso degli anni avevano o meno conferito rilevanza alla recidiva reiterata, le Sezioni Unite hanno risolto il caso, enunciando il seguente principio di diritto: “nel computo della pena edittale, ai fini della verifica della facoltatività dell'arresto in flagranza, e più in generale per la determinazione della pena agli effetti dell'applicazione delle misure cautelari, non si deve tener conto della recidiva reiterata”.
Scarica il testo integrale della sentenza 17386/2011
(09/05/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Successioni: ecco il nuovo modello
» Avvocati: l'ordine di Milano assume
» Come mettere il cognome della madre ai figli
» Riforma processo penale, tutti intercettati!
In evidenza oggi
Divorzi finti per pagare meno tasse: sono oltre 6milaDivorzi finti per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
Corte Ue: i vaccini possono provocare malattieCorte Ue: i vaccini possono provocare malattie
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo