Sei in: Home » Articoli

Contraffazione alimentare, affare da 60 miliardi l'anno

La Confederazione Italiana Agricoltori (CIA) ha nei giorni scorsi fatto il punto sulla questione gravissima dell'agropirateria alimentare, ossia dell'imitazione e della contraffazione dei famosi marchi alimentari italiani, che in Italia e nel mondo ci costano qualcosa come ben 60 miliardi di euro all'anno. Il calcolo dei danni è spaventoso, qualcosa come quasi 4 punti del pil ogni anno, che va verso le tasche di produttori mendaci stranieri, che associano volontariamente il lavoro nome a quello di prodotti italiani famosi, confondendo il consumatore e allettandolo con prezzi stracciati, ma senza assicurare la qualità e le caratteristiche dei nostri alimenti. Si va dal Parmesao in Brasile, che scimmiotta tristemente il nostro formaggio tipico al Provolone e all'Asiago del Wisconsin, che non meritano commenti.
E poi seguono il Regianito argentino, il “Daniele Prosciutto & Company”, imitazione del noto San Daniele, e tanti altri. E pensare che il 22% di tutti i prodotti agroalimentari registrati nella UE sono italiani, a conferma di quanto il settore sia importantissimo in Italia. Per questo la CIA chiede che vengano posti in essere misure di maggiore efficacia nel contrasto della contraffazione dei marchi alimentari, sia a livello nazionale, che agendo su base comunitaria.
(08/05/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Designer e architetti: come sfruttare al meglio gli smartphone
» Abusi edilizi: arriva il "condono"
» Addio al genitore collocatario: la prima sentenza del tribunale di Lecce
» Cellulari: dal 12 giugno 4g di Tre a pagamento per tutti, come disattivarlo
» Equitalia cerca avvocati: domande entro il 27 giugno
In evidenza oggi
Vaccini: multe fino a 7.500 euro per i genitori e sospensione della potestàVaccini: multe fino a 7.500 euro per i genitori e sospensione della potestà
Divorzio: carcere per il disoccupato che non versa l'assegno alla exDivorzio: carcere per il disoccupato che non versa l'assegno alla ex
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF