Sei in: Home » Articoli

In arrivo norme più severe per garantire giocattoli sicuri

giocattoli id10152
Negli ultimi anni, l'ammontare dei giocattoli pericolosi alla salute e all'incolumità dei bambini e di quelli contraffatti, sequestrati dalla Guardia di Finanza, è cresciuto in modo esponenziale. Solo lo scorso anno sono state 8,8 milioni le tonnellate di giocattoli pericolosi sequestrati e 10,3 milioni di tonnellate i giocattoli contraffatti. Proprio per andare incontro all'esigenza di tutela dei consumatori, oltre tutto della fascia più indifesa, cioè i bambini, dal 12 maggio prossimo entrerà in vigore il decreto legge n.54, che attua la Direttiva Europea 2009/48/CE. Le nuove norme stabiliscono i criteri per la definizione di giocattolo, ossia di un prodotto destinato all'uso dei bambini di età inferiore ai 14 anni, prevedendo, quindi, la distinzione dagli altri prodotti destinati ai più grandi. Inoltre, viene posta maggiore attenzione alla tutela della salute dei più piccoli, attraverso norme stringenti sull'utilizzo di sostanze chimiche per la fabbricazione e il confezionamento del prodotto, assegnando maggiori responsabilità tanto ai produttori che agli stessi rivenditori. Per lottare la contraffazione, altro grande male di questo mercato, sono state inserite previsioni di maggiore contrasto alla contraffazione del marchio CE, indispensabile per vendere il prodotto in Italia, assegnando maggiori compiti e possibilità di controlli ad Accredia, l'organismo di accreditamento nazionale italiano.
(04/05/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Divorzio finto per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
» Legge 104: nuove regole per chiedere i permessi
In evidenza oggi
Processo tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagareProcesso tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagare
Separazioni online: le prime a VicenzaSeparazioni online: le prime a Vicenza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo