Sei in: Home » Articoli

Cassazionre: "Africano, tornatene in Africa" è un insulto razziale

Con la sentenza n.393/2011 la Corte di Cassazione ha stabilito che l'espressione “africano tornatene in africa” integra gli estremi dell'insulto razziale. É questa la sintesi dellla decisione presa dai giudici di Piazza Cavour che, nell'accogliere il ricorso della Procura di Pordene, hanno condannato un sessantenne che nel 2007 si era rivolto ad un immigrato “invitandolo” a tornarsene in Africa a mangiare banane come le scimmie. Secondo quanto si apprende leggendo la sentenza di legittimità, dopo la denuncia da parte della vittima del reato, l'imputato era stato proscilto per remissione di querela.
Contro la pronuncia del giudice di merito si era però opposto il Procuratore di Trieste il quale aveva sostenuto che quella espressione fosse un insulto razziale. Accogliendo il ricorso del Procuratore, la Cassazione ha così disposto la trasmissione degli atti alla Procura di Pordenone per procedere nei confronti del sessantenne per insulto razziale.
(27/04/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Autovelox e tutor: al via le nuove regole
» Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
» Conversione del pignoramento: la duplice ratio dell'art. 495 Cpc
» Diritti d'autore: pagare la Siae non basta, Soundreef ottiene decreto ingiuntivo per concerto Fedez
In evidenza oggi
Addio compenso per l'avvocato poco accortoAddio compenso per l'avvocato poco accorto
Vietare alla moglie di truccarsi integra il reato di maltrattamenti in famigliaVietare alla moglie di truccarsi integra il reato di maltrattamenti in famiglia
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF