Sei in: Home » Articoli

Cassazionre: "Africano, tornatene in Africa" è un insulto razziale

Con la sentenza n.393/2011 la Corte di Cassazione ha stabilito che l'espressione “africano tornatene in africa” integra gli estremi dell'insulto razziale. É questa la sintesi dellla decisione presa dai giudici di Piazza Cavour che, nell'accogliere il ricorso della Procura di Pordene, hanno condannato un sessantenne che nel 2007 si era rivolto ad un immigrato “invitandolo” a tornarsene in Africa a mangiare banane come le scimmie. Secondo quanto si apprende leggendo la sentenza di legittimità, dopo la denuncia da parte della vittima del reato, l'imputato era stato proscilto per remissione di querela.
Contro la pronuncia del giudice di merito si era però opposto il Procuratore di Trieste il quale aveva sostenuto che quella espressione fosse un insulto razziale. Accogliendo il ricorso del Procuratore, la Cassazione ha così disposto la trasmissione degli atti alla Procura di Pordenone per procedere nei confronti del sessantenne per insulto razziale.
(27/04/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF