Sei in: Home » Articoli

Ammortizzatori sociali in deroga: firmato l'Accordo Stato-Regioni per il finanziamento 2011-2012

In data 20 aprile 2011 è stato firmato l'Accordo Stato-Regioni per il finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga per il 2011-2012, prorogando per l'anno in corso e per l'anno a venire l'accordo già in vigore per il 2009-2010. L'intesa, come si legge nella nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, si arricchisce di una sezione specifica dedicata alle misure di politica attiva per un più rapido e mirato ricollocamento dei lavoratori e per evitare il formarsi di bacini di disoccupazione di lunga durata. Confermato lo stanziamento previsto dalla legge di stabilità di 1 miliardo di euro per gli interventi a sostegno del reddito a cui si aggiungono 600 milioni di residui del biennio 2009-2010. Le Regioni concorrono con la parte non utilizzata dello stanziamento di 2.2 miliardi di euro, fino al suo esaurimento.
L'Accordo prevede inoltre: l'attribuzione di un ruolo precipuo ai servizi per l'impiego nei processi di riqualificazione e di ricollocazione dei lavoratori, l'impiego e la valorizzazione del sistema informativo sulle competenze e i posti di lavoro richiesti dalle imprese e del portale di servizi Cliclavoro per rendere trasparenti e pienamente disponibili le informazioni sul mercato del lavoro, il ricorso ai Fondi Interprofessionali e agli enti bilaterali nelle politiche attive e nella formazione, l'utilizzo più rigoroso degli strumenti di sostegno al reddito nonché il sostegno offerto dalle risorse del Fondo sociale europeo agli interventi previsti.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/04/2011 - L.S.)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF