Sei in: Home » Articoli

Equitalia, possibile dilazione debito con il fisco

equitalia id10073.png
La società di riscossione Equitalia fa sapere che, dando attuazione alle norme del cosiddetto decreto mille proroghe, convertito in legge il 27 febbraio scorso, sarà possibile per il contribuente richiedere una dilazione del proprio debito fiscale, in rate fino a sei anni, se tale sua richiesta fosse conseguenza di un peggioramento subito nella sfera economica. In particolare, il contribuente con un debito verso il fisco inferiore ai 5000 euro otterrà la dilazione richiesta, solo dietro presentazione di domanda apposita, con la motivazione dell'avvenuto peggioramento del proprio status economico. Se il debito è superiore ai 5000 euro, invece, oltre alla presentazione della richiesta, sarà necessario esibire idonea certificazione, attestante lo stato di avvenuto peggioramento della situazione economica, e i criteri variano a secondo della tipologia del richiedente (se persona fisica, giuridica, etc.). Per tutti, comunque, il criterio generale è che il debito debba riferirsi a data anteriore al 27 febbraio, ossia del giorno di conversione in legge del decreto mille proroghe. La condizione economica sarà evinta dalla presentazione del reddito ISEE, ossia del l'indicatore della situazione economica del nucleo familiare del debitore.
I moduli per presentare domanda di dilazione del pagamento possono essere trovati presso gli sportelli degli agenti di riscossione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/04/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF