Sei in: Home » Articoli

Contribuenti.it: aumentano yachts e nullatenenti

yacht id10079
La nuova inchiesta condotta da KRLS Network of Business Ethics per conto di Contribuenti.it, presentata a Napoli nel corso dell'evento “Fisco per fiasco” di Fisco Tour 2011, ha rivelato che crescono i “poveri” possidenti e cioè coloro che vivono spendendo migliaia di euro ma non dichiarano nulla al Fisco di quello che effettivamente guadagnano. Il 64% degli yachts che circolano in Italia, - emerge dall'inchiesta - sono intestati a nullatenenti o a pensionati con la social card, prestanome di facoltosi imprenditori, per evadere le tasse”. Si tratta di prestanome di imprenditori e di professionisti che in questo modo eludono il fisco oppure poveracci dalle dichiarazioni dei redditi irrisorie.
Secondo lo studio, effettuato grazie ai dati de Lo sportello del Contribuente, della Polizia Tributaria e del Ministero delle Finanze, la metà degli italiani dichiara meno di 15.000 euro annui e circa due terzi meno di 20.000 euro. Solo lo 0,95% ha dichiarato oltre 100 mila euro, lo 0,17% più di 200mila euro e solo 15 mila persone ha dichiarato un reddito di oltre 300 euro all'anno. Tale situazione, fa sapere l'Associazione, non è compatibile con i dati sulle richieste di posti barca che sono cresciuti del 12,3% e agli acquisti di imbarcazioni di lusso. La spesa è cresciuta in Italia nel 2011 del 6,7%. “Da sola la Guardia di Finanza non può combattere l'evasione fiscale che è diventato lo sport più praticato dagli italiani – afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani – Devono scendere in campo gli 007 per scoprire chi sono gli effettivi proprietari degli Yachts che puntualmente, nei mesi estivi, solcano i nostri mari sbeffeggiando il fisco italiano”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/04/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF