Sei in: Home » Articoli

Tribunale di Roma: inammissibile class-action del Codacons avverso società produttrice sigarette

È stato rigettata dalla XII sezione del Tribunale civile di Roma la class-action, avviata dal Codacons in favore di tutti i fumatori di sigarette di marchio Bat Italia Spa, colpevole, secondo il giudizio dell'associazione a tutela dei consumatori, di aver aggiunto alle sigarette oltre 200 additivi. Il Codacons, in seguito al rigetto della class-action, ha dichiarato che le motivazioni con le quali il Tribunale di Roma ha ritenuto inammissibile la domanda di azione collettiva sono “assurde” in quanto, secondo i giudici, chi fuma è già consapevole che morirà a causa del fumo, pur non conoscendo le sostanza chimiche presenti nelle sigarette.
Inoltre, per quanto riguarda gli additivi inseriti nelle sigarette, il Codacons afferma che la posizione dei giudici sia “folle”. Per questo motivo, l'associazione annuncia che ricorrerà in Corte d'Appello per richiedere l'ammissibilità dell'azione collettiva la quale, peraltro, come ricorda il Codacons, si basa su “si basava su uno studio svizzero che ha dimostrato come lo scopo di questi additivi sia proprio quello di aumentare le dipendenza da sigaretta, e su una sentenza della Cassazione che ha affermato che la produzione e la vendita di tabacchi lavorati integrano un'attività pericolosa poiché i tabacchi, avendo quale unica destinazione il consumo mediante il fumo, contengono in sé, per la loro composizione biochimica e per la valutazione data dall'ordinamento, una potenziale carica di nocività per la salute”.
Altre informazioni su questo argomento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/04/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Reato per il praticante che si spaccia per avvocato
» Basta la diffida per interrompere l'usucapione?
In evidenza oggi.
Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
Carcere fino a 6 mesi e obbligo di ripulire per chi sporca edifici e mezzi
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF