Sei in: Home » Articoli

Consumatori Europei incapaci di far valere i propri diritti: poco informati e non competenti

sigaretta id9341
I Consumatori europei sono poco informati e non competenti, incapaci di far valere i propri diritti. E' questo il dato sconcertante che emerge da un accurato studio di Eurobarometro, presentato in occasone del recente Vertice Europeo dei Consumatori 2011. L'incapacità di adottare forme di tutela, rende i cittadini europei più esposti a truffe e a potenziali frodi. Ma è l'incapacità di far rispettare le normative vigenti, anche facendosi scudo con le numerose associazioni nazionali a difesa dello stesso consumatore, a preoccupare di più. Dallo studio di Eurobarometro, inoltre, si evince la non consocenza delle forme più "elementari" di "garanzia": oltre il 58% degli intervistati non è in grado di leggere e di comprendere appieno gli ingredienti presenti sulle etichette dei prodotti alimentari ed oltre un terzo dei cittadini non conosce neanche il significato della sigla CE, credendo che tale sigla connoti la zona geografica di produzione del bene.
Tale problematica ha un costo anche economico: i danni per i consumatori si aggirerebbero ad una percentuale di Pil europeo intorno lo 0,4%. Un vero e proprio "salasso" per i cittadini che richiede interventi normativi comunitari immediati.
(16/04/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF