Sei in: Home » Articoli

Cassazione: È falso ideologico prescrivere ricette in bianco anche a pazienti con malattie croniche

Con la sentenza n. 13315 la Corte di Cassazione ha stabilito che le prescrizioni farmacologiche “in bianco” costituiscono una prassi che integra il reato e in particolare quello di falsità ideologica. Secondo le motivazioni della Suprema Corte, “il farmaco non è un comune bene di consumo poiché oltre ad essere utile è un prodotto pericoloso anche in condizioni normali di utilizzazione, il cui acquisto deve pertanto essere effettuato sotto il controllo del medico” Nel caso di specie, la prassi condannata dai giudici di legittimità ha come protagonisti medici, che firmavano ricette in bianco, e alcuni farmacisti che, in base alle richieste compilavano le ricette consegnate dai medici con il loro timbro e firma.
La vicenda veniva alla luce in seguito ad alcune perquisizioni in cui venivano ritrovate diverse ricette firmate e timbrate senza la prescrizione di alcun medicinale.
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/04/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF