Sei in: Home » Articoli

Telecom Italia blocca Skype ed Emule, consumatori in rivolta

skype id10013
Si annuncia una battaglia senza quartiere tra le associazioni dei consumatori e la società di telefonia Telecom Italia, che ha annunciato che provvederà a bloccare quelle applicazioni, che determinano un maggior consumo di banda, come i siti P2P e VoiP, rendendo di fatto possibile l'accesso a Skype e Emule. Secondo Telecom, tale restrizione avverrà solo in determinate zone, al fine di regolare la velocità di connessione alla banda larga. Nella realtà, si tratta del tentativo, secondo i consumatori, di impedire l'uso di applicazioni, che consentono lo scambio d file, ad esempio audio-visivi, o come nel caso di skype, di potere effettuare chiamate gratuite, direttamente dal Pc o dal telefonino. La nuova politica di Telecom rientra all'interno di una serie di misure da parte di alcuni governi, come quello inglese, o soprattutto francese, che stanno tentando di impedire la pirateria online. Le associazioni hanno inviato a Telecom una lettera di diffida, in cui cercano di dissuadere la società dal modificare in via unilaterale il contratto già sottoscritto e insinuano il dubbio che le zone colpite da tale restrizione non siano solo quelle indicate nelle tabelle dell'azienda.
(07/04/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Condominio: il condizionatore voluminoso va rimosso
» Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
» Licenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
In evidenza oggi
Avvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisiAvvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisi
Conto cointestato: le somme prelevate quando la coppia è in crisi vanno restituiteConto cointestato: le somme prelevate quando la coppia è in crisi vanno restituite
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF