Studio Cataldi: notizie giuridiche e di attualità




Liberalizzazioni: guida alla normativa sulle liberalizzazioni

A cura degli Avvocati Cristina Matricardi e Silvia Vagnoni (seconda parte)
In questa sezione abbiamo sintetizzato le principali novità contenute nei diversi pacchetti normativi concernenti le liberalizzazioni: dal primo Decreto Bersani, alla Legge di conversione n. 248/2006, al Secondo pacchetto Bersani (7/2007) sino al Testo coordinato del secondo pacchetto con la Legge di conversione 40/2007

Primo pacchetto - Secondo pacchetto
ASSICURAZIONI RAMO DANNI
Nell’ambito delle assicurazioni ramo danni (che comprende anche l’incendio, il furto, gli infortuni) la nuova legge prevede l’istituzione della figura dell’agente plurimandatario. Le Compagnie non potranno quindi più stipulare con i propri agenti dei contratti che prevedano clausole di distribuzione esclusiva di polizze. L’intervento si propone il fine di aumentare il livello di concorrenza da parte del consumatore e conseguentemente aumentare la possibilità di scelta da parte dello stesso; è stato inoltre previsto lo "stop" al vincolo di durata decennale per le polizze ramo danni. Conseguentemente le compagnie non potranno più offrire polizze pluriennali con il vincolo decennale di durata (come attualmente previsto dal Codice Civile) e il contraente avrà la possibilità di disdire il contratto, di anno in anno, senza incorrere in costi.

ASSICURAZIONI RC AUTO
Nell’ambito delle assicurazioni RC auto è previsto uno "stop" al peggioramento immotivato della classe bonus – malus.
Il consumatore quindi che stipula un nuovo contratto RC auto (o in ragione dell’acquisto di una seconda automobile o in conseguenza di un periodo di interruzione della copertura assicurativa) mantiene la classe di merito risultante dall’ultimo attestato di rischio e ciò a prescindere (nel caso di interruzione) dal tempo trascorso. Le compagnie non potranno variare la classe di merito, in senso sfavorevole all’automobilista, fino a quando non sarà accertata l’effettiva responsabilità. Nei casi in cui questo non sia possibile, si prevede il computo pro quota in relazione al numero dei conducenti coinvolti nel sinistro ai fini della eventuale variazione di classe; in ossequio al principio di trasparenza e pubblicità, le compagnie di assicurazione devono comunicare tempestivamente tutti i casi di variazione peggiorativa della classe di merito degli automobilisti. E’ previsto inoltre che i consumatori potranno avere informazioni tempestive sulle tariffe presenti sul mercato e il Ministero dello Sviluppo economico (utilizzando i dati che saranno messi a disposizione dall’Isvap) organizzerà un servizio on line per consentire al consumatore la scelta della polizza RC auto più conveniente, a seguito della comparazione tra i prezzi di mercato offerti per il singolo profilo individuale.

IMPRESE
Nell’ambito dell’accesso all’attività imprenditoriale ecco cosa prevede la nuova normativa:
- un accesso più facile mediante la scomparsa dell’obbligo di iscrizione a ruolo o elenchi. D’ora in avanti è quindi necessaria la sola dichiarazione di inizio attività e il possesso dei requisiti professionali;
- sono stati aboliti i criteri della distanza minima e i parametri numerici prestabiliti;
- per le attività di intermediazione commerciale (la norma comprende gli agenti d’affari in mediazione, gli agenti immobiliari e quelli d’affari, l’agente e il rappresentante di commercio, il mediatore marittimo, lo spedizioniere e il raccomandatario marittimo) la dichiarazione di inizio attività va inviata alla Camera di Commercio competente per territorio (e per conoscenza anche alla Questura) e va corredata dalle autocertificazioni e dalle certificazioni attestanti il possesso dei requisiti soggettivi morali, professionali, tecnici e finanziari, ove prescritti dalla legislazione vigente. Le Camere di Commercio verificheranno il possesso dei requisiti di legge degli esercenti le attività e iscrivono i relativi dati nel registro delle imprese se svolte in forma di impresa e in tutti gli altri casi, nel repertorio delle notizie economiche e amministrative (R.E.A.), assegnando a essi la qualifica di intermediario distintamente per tipologia di attività;
- previsto un accesso più facile e veloce per l’attività di parrucchiere, estetista, pulizia, disinfezione, facchinaggio, autoscuola;
- per i parrucchieri, estetiste e barbieri restano necessari i requisiti di qualificazione professionale, se prescritti e la conformità dei locali ai requisiti urbanistici ed igienico -sanitari. I parrucchieri, estetisti e barbieri sono liberi di scegliere il giorno della chiusura settimanale del proprio esercizio;
- per le imprese di pulizia, di disinfezione e di facchinaggio restano necessari, se già richiesti, i requisiti di onorabilità e capacità economico - finanziaria. Queste attività possono essere esercitate solo nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di tutela del lavoro e della salute, oltre che della normativa in materia di smaltimento dei rifiuti tossici o speciali;
- per le autoscuole resta obbligatorio il rispetto dei requisiti morali e professionali, della capacità finanziaria e degli standard tecnico - organizzativi già previsti. Tali attività inoltre restano soggette alla vigilanza amministrativa da parte delle Province e alla vigilanza tecnica da parte degli uffici provinciali della Direzione generale della Motorizzazione. Gli Enti Locali avranno tre mesi di tempo dall’entrata in vigore della nuova normativa per adeguare i propri regolamenti;
- per esercitare l’attività di guide e di accompagnatori turistici è necessario solo avere i requisiti professionali previsti dalle Leggi Regionali, non è più necessario richiedere le autorizzazioni preventive, scompare sia l’obbligo della residenza sia il limite dei parametri numerici. Le Regioni e gli Enti Locali dovranno adeguare i propri regolamenti entro tre mesi dall’entrata in vigore della norma;
- per le imprese di distribuzione di carburanti, è stato abolito il limite all’abbinamento oil e non oil. In questo modo la norma cerca di garantire un corretto funzionamento del mercato e della concorrenza nel pieno interesse del consumatore. Niente più vincoli amministrativi poi per la vendita di prodotti e servizi ritenuti complementari in aggiunta a quelli oggetto dell’attività. Le Regioni e gli Enti Locali dovranno adeguare i propri regolamenti alla nuova normativa entro 6 mesi dalla sua entrata in vigore;
- per le aziende fornitrici del GPL queste non potranno più concedere i serbatoi in comodato d’uso ai proprietari delle abitazioni che ne usufruiscono. I serbatoi dovranno essere concessi in locazione e il titolare dell’utenza sarà libero di acquistare il gas in regime di libera concorrenza.

TELEFONIA
Allo scopo di favorire la concorrenza e la trasparenza delle tariffe e di garantire ai consumatori finali un adeguato livello di conoscenza sugli effettivi prezzi del servizio:
- è fatto divieto agli operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazioni elettroniche applicare costi fissi e contributi per la ricarica di carte prepagate, anche via bancomat o in forma telematica, aggiuntivi rispetto al costo del traffico telefonico o del servizio richiesto;
- è vietato prevedere scadenze di utilizzo del traffico o del servizio acquistato;
- è obbligatorio per gli operatori della telefonia mobile garantire maggiore trasparenza nell’indicazione delle tariffe, evidenziando l’effettivo costo del traffico telefonico comprensivo di tutte le voci che lo compongono;
- è prevista per gli utenti la possibilità di recedere dal contratto stipulato con operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazione elettronica, in qualsiasi momento e senza spese non giustificate. Gli operatori non possono imporre un obbligo di preavviso superiore a 30 giorni.
Gli utenti hanno altresì la possibilità di trasferire le utenze presso altro operatore senza vincoli temporali o ritardi non giustificati.

TARIFFE AEREE
Per favorire la concorrenza e la trasparenza delle tariffe aeree e di garantire ai consumatori un adeguato livello di conoscenza sugli effettivi costi del servizio, è previsto che le offerte e i messaggi pubblicitari di voli aerei rechino l’indicazione del costo effettivo totale comprensivo di spese, tasse e altri oneri aggiuntivi. Le compagnie aeree dovranno altresì indicare il numero di posti disponibili al prezzo indicato nella promozione e il periodo di durata dell’offerta.

ALIMENTI
Le indicazioni della data di scadenza o del termine minimo di conservazione dei prodotti alimentari dovranno essere apposti dalle industrie sulla confezione in uno spazio facilmente individuabile, dovranno essere chiaramente leggibili e stampate in modo indelebile.

MUTUI IMMOBILIARI
Numerose le novità in materia di mutuo:
- l’ipoteca iscritta a garanzia di obbligazioni derivanti da un contratto di mutuo si estinguerà automaticamente alla data del pagamento. L’istituto di credito sarà tenuto a rilasciare al debitore una quietanza che attesti la data di estinzione del mutuo e a trasmettere all’Agenzia del Territorio (conservatoria dei registri immobiliari) la comunicazione di avvenuta estinzione entro trenta giorni dalla predetta data di estinzione del mutuo, ufficio che provvederà alla cancellazione dell’ipoteca. Per i mutui già estinti e per i quali non sia stata ancora cancellata l’ipoteca si potrà richiedere all’istituto di credito la quietanza di avvenuto pagamento con lettera raccomandata;
- coloro che avranno contratto con la banca un mutuo a partire dal 2 febbraio 2007 per la ristrutturazione di unità immobiliari adibite ad abitazione o per finanziare lo svolgimento di attività economiche o professionali potranno chiedere l’estinzione anticipata o parziale del mutuo senza pagare la penale;
- coloro che abbiano contratto un mutuo avranno la possibilità di trasferirlo ad un’altra banca con cui abbiano intenzione di stipulare un nuovo contratto di finanziamento anche mediante scrittura privata e senza perdere i benefici fiscali precedentemente conseguiti.
(Vedi anche: Mutui: raggiunta l'intesa tra Abi e associazioni dei consumatori sulle penali per l'estinzione anticipata)

Primo pacchetto - Secondo pacchetto