Sei in: Home » Guide Legali » Procedura Civile » La costituzione in giudizio dell'attore - aspetti pratici

La costituzione in giudizio dell'attore - aspetti pratici

Seguici su Facebook e su G. Plus
Guida di procedura civile
Giovanna Molteni - Ai sensi dell'articolo 165 c.p.c., entro dieci giorni dalla notificazione della citazione al convenuto ovvero entro cinque giorni nel caso di abbreviazione dei termini ex articolo 163 bis, l'attore deve costituirsi in giudizio a mezzo del procuratore o personalmente nei casi consentiti dalla legge. 

Con tale atto, si dà concretezza al principio del contraddittorio e la parte si rende giuridicamente presente nel processo, con la conseguenza di non poter essere dichiarata contumace.

La costituzione in giudizio avviene normalmente a mezzo di un procuratore legale e si sostanzia nel deposito in cancelleria della nota d'iscrizione a ruolo e del proprio fascicolo, contenente l'originale della citazione con la relazione di notifica alla controparte, la procura (se rilasciata con atto separato) e i documenti offerti in comunicazione. Al momento dell'iscrizione a ruolo l'attore deve anche provvedere al pagamento del contributo unificato.

Con l'iscrizione della causa a ruolo -effettuata dal cancelliere su istanza della parte costituita e sulla base della nota di iscrizione a ruolo da questa presentata che deve contenere tutti gli estremi per l'individuazione della causa - la controversia viene incardinata presso l'ufficio giudiziario investito della trattazione.

La formazione del fascicolo d'ufficio

Contestualmente alla iscrizione della causa nel ruolo generale, il cancelliere procede alla formazione del fascicolo d'ufficio nel quale confluiscono la nota di iscrizione a ruolo e copia dell'atto di citazione. Formato il fascicolo d'ufficio il cancelliere lo presenta senza indugio al presidente del tribunale, il quale, con decreto scritto in calce alla nota di iscrizione a ruolo e non oltre due giorni, designa il giudice davanti al quale le parti devono comparire, se non crede di procedere egli stesso all'istruzione. Tale designazione è operata sulla base di criteri oggettivi e predeterminati secondo tabelle approvate dal Consiglio Superiore della Magistratura e non più sulla base di un potere discrezionale del capo dell'ufficio giudiziario.

I termini per la costituzione in giudizio nel processo con pluralità di parti

Nel caso in cui sia necessaria una notificazione a più soggetti e questa non avvenga contestualmente, il termine di dieci giorni ex articolo 165 c.p.c. per la costituzione dell'attore decorre dalla prima o dall'ultima notificazione? Il termine per la costituzione dell'attore, nel caso in cui l'atto introduttivo del giudizio venga notificato a più persone, è di dieci giorni decorrenti dalla prima notificazione sia nel giudizio di primo grado che in quello d'appello; tale adempimento, ove entro tale termine l'attore non sia ancora rientrato in possesso dell'originale dell'atto notificato, può avvenire depositandone in cancelleria una semplice copia (la cosiddetta velina). È quanto hanno affermato le Sezioni Unite della Suprema Corte che, con la sentenza n. 10864 del 18 maggio 2011, hanno risolto una questione di diritto di particolare rilievo da un punto di vista pratico. 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss