Sei in: Home » Guide Legali » Procedura Civile » Consulenza tecnica preventiva ai fini della composizione della lite

Consulenza tecnica preventiva ai fini della composizione della lite

Seguici su Facebook e su G. Plus
Guida di procedura civile
Consulenza tecnica preventiva ai fini della composizione della lite

L'accertamento tecnico preventivo finalizzato alla conciliazione è il procedimento previsto dall'art. 696 bis del codice di procedura civile e può essere richiesto per valutare la determinazione dei crediti provenienti da un fatto illecito o dalla mancata o inesatta esecuzione di obblighi contrattuali. 

Il consulente che il giudice nomina a seguito del ricorso presentato da una delle parti, prima di depositare la sua relazione, tenta di far conciliare le parti


Se la conciliazione riesce viene formato un processo verbale della conciliazione e il Giudice con decreto attribuisce al processo verbale (che è esente dall'imposta di registro) efficacia di titolo esecutivo.

Nel caso in cui, invece, la conciliazione non sia riuscita, entrambe le parti hanno la facoltà di chiedere di acquisire la relazione depositata dal consulente agli atti del successivo giudizio di merito.

In sostanza, questo tipo di accertamento tecnico fa parte della serie di mezzi di conciliazione regolamentati dal codice civile. 

Lo strumento dell'accertamento tecnico preventivo finalizzato alla conciliazione rappresenta una risposta alla necessità di ridurre, per quanto possibile, la quantità di contenziosi che devono essere risolti dai giudici civili. 

Esso costituisce quindi un mezzo per la soluzione delle controversie, e non uno strumento di costituzione preventiva (cautelare) del mezzo di prova anche se all'atto pratico in caso di mancata conciliazione la relazione diventa uno strumento istruttorio che può essere acquisito da entrambe le parti nel successivo giudizio.

L'eventuale processo verbale di conciliazione a cui è stata conferita efficacia esecutiva è idoneo per avviare una eventuale espropriazione forzata o una esecuzione in forma specifica o, infine per iscrivere una ipoteca giudiziale.

Vedi anche:
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss