Trasformazione fusione e scissione di societÓ

Seguici su Facebook e su G. Plus
Indice della guida
Indice della guida su impresa e societÓ:
PARTE I- L’IMPRESA
- L’impresa
- Imprenditore agricolo e commerciale
- piccolo imprenditore, impresa artigiana e impresa familiare
- Impresa collettiva e impresa pubblica
- esercizio dell’impresa e capacita’ di agire
- Il registro delle imprese
- Le scritture contabili
- gli ausiliari dell’imprenditore
- L’azienda
- collaborazione tra imprese

PARTE II - le società
- Le società di persone e le società di capitali
- Le società di fatto
- La società semplice
- La societa’ in nome collettivo
- La societa’ in accomandita semplice
- La societa’ a responsabilita’ limitata
- La s.r.l. semplificata
- La societa’ per azioni
- La societa’ in accomandita per azioni
- Scioglimento e liquidazione societa’ di capitali
- trasformazione, fusione e scissione di societa’
- Societa’ cooperative e mutue assicuratrici

PARTE III - concorrenza e segni distintivi
- La concorrenza
- Le limitazioni della concorrenza
- La concorrenza sleale
- La concorrenza nell’unione europea
- La legge antitrust e l’autorita’ garante della concorrenza e del mercato
- I segni distintivi dell’impresa
- Il marchio
- La ditta e l’insegna
- La qualificazione del nome a dominio
- Le opere dell’ingegno e il diritto d’autore
- Le invenzioni industriali e il brevetto
- Le invenzioni del prestatore di lavoro
- Il brevetto europeo
- La domanda internazionale di brevetto
- I modelli industriali
- La tutela giurisdizionale dei diritti industriali

Espandi indice della guida "Impresa e SocietÓ"
Altre guide legali
Avv. Valeria Zeppilli
valeria.zeppilli@gmail.com

11.TRASFORMAZIONE, FUSIONE E SCISSIONE DI SOCIETA’

Ogni società, nel corso della sua esistenza, può avvertire la necessità di modificarsi e adeguarsi al variare della situazione economica, mutando il proprio assetto giuridico o patrimoniale. Gli istituti che il Codice Civile prevede a tal fine sono quelli della trasformazione, della fusione e della scissione di società.



La trasformazione

La trasformazione di società consiste nella variazione della tipologia sociale. Si ha trasformazione omogeneaquando essa comporta la variazione sia da un modello all’altro di società di persone o di società di capitali che da una società di persone in una società di capitali o viceversa. Ad esempio è possibile che una s.n.c. si trasformi in una s.a.s. o in una s.r.l.. Si ha, invece, trasformazione eterogeneaquando essa comporta la variazione di una società di capitali in enti di tipo diverso (come società cooperative, società consortili,  consorzi, comunioni d’azienda, associazioni non riconosciute e fondazioni) o viceversa.

La trasformazione non incide sui diritti e sugli obblighidella società che l’ha effettuata e i rapporti processuali proseguonoin capo all’ente trasformato.

Le procedure concorsualisono state ritenute dal legislatore conciliabili con la trasformazione, a meno che non vi sia incompatibilità con le finalità e lo stato della procedura. Del resto, in pendenza di una procedura concorsuale, la trasformazione può anche costituire un vantaggio, come accade, ad esempio, con il contenimento degli oneri procedurali che deriva dal passaggio da una s.p.a. a una s.r.l..

E’ prevista una particolare formaper la trasformazione in s.r.l., in s.p.a. o in s.a.p.a., in quanto essa deve risultare da atto pubblico, contenente tutto quanto legislativamente previsto per l’atto di costituzione di tali tipologie sociali.

Più in generale, l’atto di trasformazione deve sempre rispettare la disciplina del nuovo tipo socialee le relative pubblicità. E’, inoltre, necessario che la cessazione della societàche effettua la trasformazione sia sottoposta alla pubblicità a tal fine richiesta.

Solo il rispetto di tutti i necessari adempimenti pubblicitari dà effetto alla trasformazionee ne preclude la pronuncia di invalidità, fatti salvi i diritti dei terzi e dei partecipanti alla società trasformata.



La fusione

Si verifica una fusione quando due o più società si uniscono. Anche essa si distingue in omogenea ed eterogenea, a seconda di quali siano gli enti interessati; può, inoltre, avvenire per incorporazionedi una società ad un’altra o attraverso la creazione di una nuova società. Ne restano escluse le società in liquidazioneche abbiano già avviato la distribuzione dell’attivo, ma non più le società sottoposte a procedure concorsuali.

I rapporti intrattenutidalle società partecipanti alla fusionenon si estinguono ma proseguono in capo alla società che ne risulta.

Il procedimento di fusione si articola nella predisposizione di un progetto di fusione e di una serie di altri documenti prescritti dal legislatore, nella delibera di fusione da parte di tutte le società partecipanti secondo le modalità previste per le modifiche dell’atto costitutivo, nel deposito e nell’iscrizione di tale delibera nel registro delle imprese. Si potrà procedere all’esecuzione della fusionesolo decorsi due mesi da tale iscrizione senza che l’eventuale opposizione dei creditori abbia determinato il giudice a interrompere l’operazione.

La fusione vera e propria avviene a questo punto attraverso un atto di fusionestipulato dagli amministratori delle società partecipanti, redatto in forma pubblica e sottoposto a iscrizione nel registro delle imprese. Tale atto può essere stipulato anche prima del decorso del termine di due mesidal deposito della delibera di fusione nel registro delle imprese quando le società abbiano soddisfatto tutti i creditori o acquisito il loro consenso all’operazione o depositato le somme necessarie al pagamento dei crediti in un conto vincolato presso una banca.



La scissione

La scissione è l’operazione opposta alla fusione, con la quale il patrimonio di una societàviene divisoin tutto o in parte tra altre società già esistenti o di nuova costituzione, dette beneficiarie. Anche da essa sono escluse solo le società in liquidazione che abbiano già avviato la distribuzione dell’attivo.

Il procedimento di scissioneprende avvio con la predisposizione di un progetto di fusione, degli atti richiesti agli amministratori e della relazione degli esperti. Come nella fusione, seguono le fasi della deliberazione della scissione, dell’iscrizione nel registro delle imprese e della stipulazione dell’atto di fusione.

Il Codice Civile prevede una garanzia per i creditori delle società interessate della scissioneprevedendo che ciascuna di queste è responsabile in solido dei debiti della società scissa non soddisfatti dalla società cui fanno carico. Ciò, per ognuna, nei limiti del valore del patrimonio loro trasferito o rimasto.

Avv. Valeria Zeppilli
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss