La ditta e l'insegna

Seguici su Facebook e su G. Plus
Indice della guida
Indice della guida su impresa e societÓ:
PARTE I- L’IMPRESA
- L’impresa
- Imprenditore agricolo e commerciale
- piccolo imprenditore, impresa artigiana e impresa familiare
- Impresa collettiva e impresa pubblica
- esercizio dell’impresa e capacita’ di agire
- Il registro delle imprese
- Le scritture contabili
- gli ausiliari dell’imprenditore
- L’azienda
- collaborazione tra imprese

PARTE II - le società
- Le società di persone e le società di capitali
- Le società di fatto
- La società semplice
- La societa’ in nome collettivo
- La societa’ in accomandita semplice
- La societa’ a responsabilita’ limitata
- La s.r.l. semplificata
- La societa’ per azioni
- La societa’ in accomandita per azioni
- Scioglimento e liquidazione societa’ di capitali
- trasformazione, fusione e scissione di societa’
- Societa’ cooperative e mutue assicuratrici

PARTE III - concorrenza e segni distintivi
- La concorrenza
- Le limitazioni della concorrenza
- La concorrenza sleale
- La concorrenza nell’unione europea
- La legge antitrust e l’autorita’ garante della concorrenza e del mercato
- I segni distintivi dell’impresa
- Il marchio
- La ditta e l’insegna
- La qualificazione del nome a dominio
- Le opere dell’ingegno e il diritto d’autore
- Le invenzioni industriali e il brevetto
- Le invenzioni del prestatore di lavoro
- Il brevetto europeo
- La domanda internazionale di brevetto
- I modelli industriali
- La tutela giurisdizionale dei diritti industriali

Espandi indice della guida "Impresa e SocietÓ"
Altre guide legali
Avv. Valeria Zeppilli
valeria.zeppilli@gmail.com

8.LA DITTA E L’INSEGNA

Meno rilevanti rispetto al marchio ma comunque importanti e regolamentati sono la ditta e l’insegna.



La ditta

La ditta è il segno distintivo che indica il nome commercialesotto il quale è esercitata l’impresa, che non necessariamente coincide con il nome civile dell’imprenditore e che, salvo il caso in cui venga usato come marchio, non necessariamente deve essere collegato ai beni o servizi offerti.

Il titolare della ditta ha diritto all’uso esclusivodella stessa, che, tuttavia, non può essere fatto valere nei confronti di tutti gli altri imprenditori, ma solo di quelli che, per l’oggetto dell’attività e il luogo in cui essa è prestata, siano con lui in rapporto concorrenziale.



Verità e novità della ditta

La libertà di scelta della ditta da parte dell’imprenditore trova un limite in due principi che la stessa deve sempre rispettare.

Innanzitutto, ogni ditta deve essere veritiera, ovverosia deve sempre contenere almeno il cognome o la sigla dell’imprenditore. Se tale principio vale in maniera assoluta per la ditta originaria, in caso di ditta derivata, vale a dire trasferita da un imprenditore all’altro, non è necessario aggiornarla con il cognome o la sigla del nuovo titolare.

Ogni ditta, in secondo luogo, deve essere nuovae non uguale o simile a quella di altro imprenditore. Il contrasto con il principio di novità, che rende necessario integrare o modificare la ditta, si verifica non solo quando la stessa sia identica ad un’altra già formata, ma anche quando sia solo simile ad essa ma idonea a creare confusione tra le attività.

Occorre specificare che, sulla base del principio di unitarietà dei segni distintivi, il carattere di novità della ditta opera non soltanto con riferimento ad altre ditte, ma con riferimento a tutti i segni distintivi.

Il trasferimento della ditta e il suo acquisto per usucapione

La ditta può essere oggetto di trasferimento, il quale deve necessariamente avvenire congiuntamente al trasferimento dell’azienda (o di un suo ramo) a tutela sia dell’interesse del titolare della ditta a monetizzare il valore di avviamento che dalla stessa deriva, sia dell’interesse dei terzi che hanno intrattenuto rapporti con il precedente titolare.

Il collegamento tra trasferimento della ditta e trasferimento dell’azienda, tuttavia, non è necessario quando non sussiste una vera e propria organizzazione di beni o servizi.

Venendo alle modalità con le quali si attua il trasferimento, esso può innanzitutto avvenire per atto tra vivi, richiedendo in tal caso il consenso espresso dell’alienante, da darsi per iscritto, secondo prevalente giurisprudenza, solo ai fini della prova. Il trasferimento può avvenire, poi, mortis causae in tal caso si prevede che, in ipotesi di morte del titolare della ditta, quest’ultima si trasmette al successore salvo diversa disposizione testamentaria del de cuius.

Oltre che di trasferimento, la ditta può essere anche oggetto di usucapione. La giurisprudenza ha infatti chiarito che, nel caso in cui il titolare della ditta cessi di utilizzarla, un altro imprenditore può usucapirla se ne faccia un uso ininterrotto per il tempo prescritto.



L’insegna

L’insegna è il segno distintivo che contraddistingue i locali dell’impresa. Essa non può essere uguale o simile a quella usata dall’imprenditore né a un marchio, sulla base del principio di unitarietà dei segni distintivi.

Anche se nulla viene detto a riguardo, si ritiene comunemente che anche la ditta debba rispondere ai requisiti di verità, liceitàe originalità e che essa possa essere trasferitadal suo titolare.

Avv. Valeria Zeppilli
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss