Esercizio dell'impresa capacità di agire

Seguici su Facebook e su G. Plus
Indice della guida
Indice della guida su impresa e società:
PARTE I- L’IMPRESA
- L’impresa
- Imprenditore agricolo e commerciale
- piccolo imprenditore, impresa artigiana e impresa familiare
- Impresa collettiva e impresa pubblica
- esercizio dell’impresa e capacita’ di agire
- Il registro delle imprese
- Le scritture contabili
- gli ausiliari dell’imprenditore
- L’azienda
- collaborazione tra imprese

PARTE II - le società
- Le società di persone e le società di capitali
- Le società di fatto
- La società semplice
- La societa’ in nome collettivo
- La societa’ in accomandita semplice
- La societa’ a responsabilita’ limitata
- La s.r.l. semplificata
- La societa’ per azioni
- La societa’ in accomandita per azioni
- Scioglimento e liquidazione societa’ di capitali
- trasformazione, fusione e scissione di societa’
- Societa’ cooperative e mutue assicuratrici

PARTE III - concorrenza e segni distintivi
- La concorrenza
- Le limitazioni della concorrenza
- La concorrenza sleale
- La concorrenza nell’unione europea
- La legge antitrust e l’autorita’ garante della concorrenza e del mercato
- I segni distintivi dell’impresa
- Il marchio
- La ditta e l’insegna
- La qualificazione del nome a dominio
- Le opere dell’ingegno e il diritto d’autore
- Le invenzioni industriali e il brevetto
- Le invenzioni del prestatore di lavoro
- Il brevetto europeo
- La domanda internazionale di brevetto
- I modelli industriali
- La tutela giurisdizionale dei diritti industriali

Espandi indice della guida "Impresa e Società"
Altre guide legali
Avv. Valeria Zeppilli
valeria.zeppilli@gmail.com

5.ESERCIZIO DELL’IMPRESA E CAPACITA’ DI AGIRE

L’acquisto della qualità di imprenditore è generalmente subordinato all’acquisto della capacità di agire; tuttavia, a determinate condizioni e nel rispetto dell’apposita disciplina, è possibile esercitare l’attività di impresa direttamente o per interposta persona anche da parte di minori, interdetti, inabilitati, minori emancipati e beneficiari di amministrazione di sostegno, ovverosia di quei soggetti che l’ordinamento qualifica come incapaci o limitatamente capaci di agire.

 

L’esercizio dell’impresa da parte di un soggetto incapace

Per l’ordinamento giuridico italiano sono incapaci di agire il minore e l’interdetto.

Con riferimento al minore, egli non può mai avviare una nuova impresa né altri possono farlo in suo nome e nel suo interesse, ma, nel caso in cui un’impresa gli venga trasmessa per successione o donazione, il tribunale competente può autorizzare il suo rappresentante legale a continuare l’attività e a compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione dell’impresa. L’autorizzazione del tribunale conferisce al rappresentante legale del minore amplissimi poteri, essendo richiesta un’apposita autorizzazione solo per quegli atti non direttamente connessi con l’esercizio dell’attività imprenditoriale, come, ad esempio, la vendita dell’immobile in cui si trovano i locali dell’impresa. Occorre specificare che fino a che non sia intervenuta l’autorizzazione del Tribunale, il giudice tutelare può autorizzare l’esercizio provvisorio dell’attività di impresa per evitarne l’interruzione.

Quanto detto per il minore vale anche per l’interdetto, con la sola specificazione che l’autorizzazione all’esercizio dell’attività in suo nome e per suo conto può riguardare anche un’impresa dallo stesso avviata prima che intervenisse l’interdizione.

L’esercizio dell’impresa da parte di un soggetto limitatamente capace

L’ordinamento giuridico italiano considera limitatamente capaci di agire il minore emancipato, l’inabilitato e il soggetto beneficiario di amministrazione di sostegno.

La posizione del minore emancipato si caratterizza rispetto a quella del minore non emancipato per il fatto che egli può essere autorizzato dal tribunale anche ad iniziare una nuova attività di impresa. L’autorizzazione gli conferisce la piena capacità di agire con la conseguenza che non è necessario l’ausilio del curatore né per poter esercitare l’impresa né per svolgere gli atti non direttamente connessi con tale esercizio.

L’inabilitato, come l’incapace, non può avviare una nuova impresa ma può essere solo autorizzato a proseguire l’esercizio di una già esistente. L’autorizzazione comporta per l’inabilitato la possibilità di compiere gli atti relativi alla gestione ordinaria dell’impresa in prima persona con l’assistenza di un curatore. Sarà invece necessario il consenso di quest’ultimo per compiere gli atti di gestione straordinaria e quelli non direttamenti connessi con l’esercizio dell’impresa. In determinati casi il tribunale può subordinare l’autorizzazione alla continuazione dell’attività imprenditoriale alla nomina di un institore da parte dell’inabilitato con il consenso del curatore. Tale figura ha i poteri generali di esercizio dell’impresa, di una sua sede secondaria o di un suo ramo.

Il beneficiario dell’amministrazione di sostegno, infine, può iniziare o continuare un’attività di impresa personalmente a meno che non sia diversamente disposto con decreto da parte del giudice tutelare. Infatti l’assistenza o la rappresentanza esclusiva da parte dell’amministratore di sostegno non sono generalizzate ma necessitano della specificazione degli atti ai quali si riferiscono.

 

Capacità e impresa agricola

Tutta la specifica disciplina sinora analizzata trova applicazione esclusivamente con riferimento all’esercizio di impresa commerciale, mentre con riferimento all’impresa agricola continuano ad applicarsi le norme di diritto comune relative al compimento di atti da parte di incapaci e limitatamente capaci di agire.

 

Le conseguenze dell’esercizio autorizzato dell’attività di impresa

L’autorizzazione all’esercizio dell’attività di impresa rende il soggetto incapace o limitatamente capace un vero e proprio imprenditore commerciale e lo espone a tutte le conseguenze che da ciò derivano, compresa l’assoggettabilità a fallimento.

 

L’incompatibilità

Dagli incapaci vanno tenuti distinti i soggetti che hanno un’incompatibilità con l’esercizio dell’impresa. Generalmente l’incompatibilità è posta in capo a soggetti che esercitano determinati uffici e professioni e può conseguire, in via temporanea, alla condanna per bancarotta o ricorso abusivo al credito in caso di fallimento.

Avv. Valeria Zeppilli
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss