Ausiliari del giudice

Indice della guida

Il sesto capo del codice è dedicato agli ausiliari del giudice. L’art. 19 stabilisce che il giudice può farsi assistere, per il compimento di  singoli atti o per tutto il processo, da uno o più verificatori, ovvero,  se indispensabile, da uno o più consulenti. All’art. 20 troviamo l’obbligo di assumere l’incarico: il verificatore e il consulente, se scelto  tra  i  dipendenti pubblici o tra gli iscritti negli appositi albi, hanno l'obbligo  di  prestare  il  loro  ufficio,  tranne  che  il  giudice riconosca l'esistenza di un giustificato motivo. L’art. 21

aggiunge prevede la possibilità di ricusare anche il consulente o il verificatore del giudice. Queste figure possono essere ricusate dalle parti per i motivi indicati nell'articolo 51 del codice di  procedura civile e, in merito alla decisione sulla ricusazione ha cognizione il giudice che l'ha nominato. Il capo Vi si conclude con l’art. 21 in cui viene stabilito che il giudice amministrativo, può nominare un commissario ad acta, nel caso in cui si debba sostituire all’amministrazione. L’art. precisa che in questa situazione si applica la disciplina prevista dall’art. 20, comma 2 di questo codice e cioè la disciplina della ricusazione prevista per gli ausiliari del giudice.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa pagina con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss