La spedizione in forma esecutiva

Seguici su Facebook e su G. Plus

2.La spedizione in forma esecutiva.

Il creditore, dunque, quando è in possesso di un titolo esecutivo può servirsene, attivando una procedura di esecuzione forzata. Ciò è possibile solo dopo che il titolo sia stato munito di formula esecutiva, ex art. 475 c.p.c. Si dice che il titolo viene spedito in forma esecutiva quando il cancelliere, il notaio o altro pubblico ufficiale appone sull'originale o su una copia autentica del titolo la suddetta formula, la quale riporta l'intestazione "Repubblica Italiana - In nome della legge" e l'enunciazione prevista dal comma 3, dell'art. 475 c.p.c.(2).

Quando il titolo esecutivo è formato da assegni, cambiali o scritture private autenticate non occorre l'apposizione della formula in quanto il creditore è già in possesso dell'originale. Ai sensi dell’art. 476 c.p.c. non può spedirsi, senza giusto motivo, più di una copia in forma esecutiva alla stessa parte. In caso vi siano giusti motivi le ulteriori copie devono essere richieste dalla parte interessata con ricorso al capo dell’ufficio che ha pronunciato il provvedimento e, negli altri casi, al Presidente del Tribunale nella cui circoscrizione l’atto fu formato.


Il cancelliere, il notaio o altro pubblico ufficiale che viola tali disposizioni è condannato ad una pena pecuniaria. Al riguardo la Suprema Corte così si è espressa “ La inosservanza del dovere di non rilasciare in forma esecutiva più di una sola copia del titolo per la esecuzione forzata, che importa a carico del funzionario responsabile una pena pecuniaria, costituisce una semplice irregolarità della esecuzione che è fine a se stessa e non incide pertanto né sulla efficacia del titolo esecutivo né sulla validità della relativa esecuzione” ( Cass., 22 ottobre 2008, n. 25568).

La ratio della norma, dunque, va individuata nell’esigenza di evitare che il soggetto legittimato possa richiedere più copie esecutive da utilizzare in executivis contro lo stesso debitore, ciò al fine di evitare incertezze e confusioni. Ma chi è il soggetto legittimato? Senza ombra di dubbio è in primis il creditore, indicato nel titolo di cui si chiede la copia esecutiva; in secundis i suoi successori, sia a titolo universale sia a titolo particolare.

_____________________________________________________________________(2)”Comandiamo a tutti gli ufficiali giudiziari che ne siano richiesti e a chiunque spetti, di mettere ad esecuzione il presente titolo, al pubblico ministero di darvi assistenza, e a tutti gli ufficiali della forza pubblica di concorrervi, quando ne siano legalmente richiesti”.

Indice di questa guida
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss