La notifica del titolo esecutivo e del precetto

3.Notificazione del titolo esecutivo e  del precetto ex art. 479 c.pc.

Una volta ottenuto il titolo esecutivo ci chiediamo: In che modo dobbiamo muoverci per dare inizio all’esecuzione forzata?

La risposta all’interrogativo è fornita dall’art. 479 “ Se la legge non dispone altrimenti, l’esecuzione forzata deve essere preceduta dalla notificazione  del titolo in forma esecutiva  e del precetto(3). La notificazione del titolo esecutivo deve essere fatta alla parte personalmente a norma degli articoli 137 e seguenti. Il precetto può essere redatto di seguito al titolo esecutivo ed essere notificato insieme con questo, purché la notificazione sia fatta alla parte personalmente.”(4) 

 

 



 

 

 

_____________________________________________________________________

(3)Vedi capitolo successivo.

(4)La legge di riforma n. 80/2005 ha soppresso dall’art. 479, comma2 c.p.c. le parole “[…] ma se esso è costituito da una sentenza, la notificazione, entro l’anno dalla pubblicazione, può essere fatta a norma dell’art. 170” eliminando, così, la possibilità di notifica del titolo, costituito da sentenza, al procuratore costituito. Sul punto i giudici di Piazza Cavour, così, si sono pronunciati “[…] qualora il titolo esecutivo costituito da una sentenza  venga notificato al difensore della parte nel giudizio in cui il titolo si è formato , domiciliatosi presso la stessa parte, la notificazione, pur difforme dallo schema legale per non essere stata indirizzata alla parte personalmente, non può ritenersi nulla, perché è idonea al raggiungimento dello scopo che una notifica eseguita personalmente alla parte medesima avrebbe dovuto raggiungere, cioè quello di determinare la conoscenza del titolo in capo ad essa”. (Cass., 9 marzo 2011, n. 5591)

 

 

Indice di questa guida
Salva questa pagina in PDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus