Intervento tempestivo ed intervento tardivo.

Seguici su Facebook e su G. Plus

4.Intervento tempestivo ed intervento tardivo.

Solitamente si tende a distinguere tra intervento tempestivo ed intervento tardivo. E’ tempestivo quando i creditori intervengono all’udienza fissata per la vendita  o l’assegnazione ai sensi degli artt. 530-552 e 569 c.p.c.. L’intervento oltre tale limite è, invece, considerato tardivo. Tale distinzione non va sottovalutata, questo perché i creditori tempestivi sono soddisfatti in ragione percentuale del credito vantato. I creditori tardivi, invece, sono soddisfatti sull’eventuale residuo, dopo che i creditori tempestivi sono stati soddisfatti in toto. Chi scrive ritiene necessario evidenziare che tale regola non trova applicazione nei confronti dei creditori privilegiati, i quali possono intervenire in qualsiasi momento del processo, vale a dire sino alla distribuzione del ricavato e, vieppiù!, saranno sempre soddisfatti secondo l’ordine delle loro prelazioni.

 

Indice di questa guida
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss