Seguici su Facebook e su G. Plus
Indice della guida

La mediazione civile
A cura di Luisa Foti
Proponi modifiche, correzioni o integrazioni
Secondo l'art.1 del decreto legislativo, con il termine mediazione ci si riferisce a due sottocategorie dell'istituto in esame: l'attività svolta da un terzo imparziale e finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, verrà definita "mediazione amichevole", mentre nella cd. "mediazione propositiva" il soggetto terzo avrà come obiettivo la formulazione di una proposta per la risoluzione della controversia. È sempre il primo articolo del decreto attuativo a specificare che per conciliazione si intende la composizione della controversia a seguito dello svolgimento della mediazione. I soggetti terzi, enti pubblici o privati, (organismi) abilitati a svolgere il procedimento di mediazione non avranno però l'autorità di imporre alle parti la risoluzione della controversia. Tali soggetti, abilitati a svolgere il procedimento di mediazione, saranno iscritti in un apposito albo degli organismi di conciliazione.

Torna all'indice: La mediazione civile
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss