Le misure cautelari personali interdittive

Indice della guida
A cura di: Avv. Francesca Romanelli, Avv. Silvia Vagnoni e Avv. Enrico Leo

Le MISURE CAUTELARI PERSONALI INTERDITTIVE sono applicabili a quei delitti "per i quali la legge stabilisce la pena dell’ergastolo o della reclusione superiore nel massimo a tre anni" (art. 287 c.p.p.).

Le misure interdittive sono:

- la sospensione dall’esercizio della potestà dei genitori (art. 288 c.p.p.) con la quale "il giudice priva temporaneamente l’imputato, in tutto o in parte, dei poteri a essa inerenti";

- la sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio (art. 289 c.p.p.) con la quale "il giudice interdice temporaneamente all’imputato, in tutto o in parte, le attività a essi inerenti";

- il divieto temporaneo di esercitare determinate attività professionali o imprenditoriali (art. 290 c.p.p.) con il quale "il giudice interdice temporaneamente all’imputato, in tutto o in parte, le attività a essi inerenti".

Seguici:
Print Friendly and PDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin