Studio Cataldi: notizie giuridiche e di attualitą
Home Notizie giuridiche Notizie di attualitą Notizie ultima ora



Conclusioni

Indice | Introduzione | Cap. primo | Cap. secondo | Cap. terzo | Cap. quarto | Cap. quinto | Conclusioni | Bibliografia

Lo scopo di questo mio lavoro e´ stato quello di informare e di sensibilizzare riguardo al tema delle mutilazioni genitali femminili.

Al momento attuale la sensibilizzazione e´ cresciuta a livello nazionale e internazionale. Credo che bisogna attendere ancora un po´ prima di veder debellato il fenomeno, ma bisogna guardare positivamente ai risultati raggiunti e allo sforzo di chi si impegna ogni giorno in difesa dei diritti umani.

Solo uno sviluppo sostanziale dell´ economia dei Paesi Africani e l´ educazione in ogni sua forma sono gli strumenti efficaci per sradicare questa pratica millenaria. Lo strumento legislativo, credo possa essere efficace in questa fase transitoria ma non direttamente in Africa, dove date le condizioni di sottosviluppo ed analfabetismo non risulta efficace e vincolante.

Inoltre, credo che bisogna sviluppare un rispetto concreto verso l´ altro, “il diverso”: anche se il fenomeno delle mutilazioni ci inorridisce, cio´ non significa che la nostra cultura sia migliore e che bisogni imporla perche´ rispettosa dei diritti umani. Deve sempre esserci un rispetto per le culture altrui e un dialogo cross – culturale che permette di comprendere le culture altrui e non solo di condannarle.

Non mi fermo solo ad un lavoro di ricerca e analisi: questo e´ solo l´ inizio della mia crescita personale e del mio lavoro futuro nel promuovere i diritti umani delle donne.

La mutilazione genitale femminile e´ solo una delle molteplici violazioni che le donne subiscono ogni giorno in ogni parte del mondo.

173 Vorrei utilizzare questa mia ricerca in maniera concreta, lavorando e cooperando con le diverse organizzazioni governative e non, che si impegnano per la promozione e la salvaguardia dei diritti delle minoranze etniche e dei gruppi sociali deboli, quali le donne, i bambini e i rifugiati.

Dedico questo mio lavoro alla mia famiglia, che mi ha educato al rispetto degli altri, a tutte le bambine e donne del mondo e a tutte le persone che si dedicano alla promozione dei diritti umani.

 

























 
© Studio Cataldi 2001-2015