Disposizioni per l'attuazione del codice civile

Seguici su Facebook e su G. Plus
Codice Civile - Tutti i codici - Guide di diritto civile
Cerca un articolo con il numero:

Cerca un testo nel codice:

Artt.1-99 - Artt.100-256


Art. 1
abrogato

Art. 2
abrogato

Art. 3
Il notaio che interviene per la stipulazione di atti tra vivi ovvero per la pubblicazione di testamenti , con i quali si dispongono fondazioni La denunzia deve contenere gli estremi essenziali dell`atto, il testo letterale concernente la liberalita`, la indicazione degli eredi e della loro residenza.
Il prefetto e` autorizzato a promuovere, nei modi e nei casi stabiliti dalla legge, gli atti conservativi che reputa necessari per l`esecuzione della disposizione sia nei confronti degli eredi, sia nei confronti dei terzi. Puo` anche chiedere al tribunale, in caso di urgenza o di necessita`, la nomina di un amministratore provvisorio dei beni. Il tribunale provvede con decreto in camera di consiglio

Art. 4
abrogato

Art.5
abrogato

Art. 6
L`acquisto di beni immobili in seguito a subastazione effettuata a carico di un debitore della persona giuridica non e` soggetto alla necessita` dell`autorizzazione. Tuttavia entro trenta giorni dall`acquisto i rappresentanti della persona giuridica devono darne comunicazione al prefetto.

Art. 7
Il notaio che interviene per la stipulazione di atti tra vivi ovvero per la pubblicazione di testamenti, nei quali si dispongono donazioni o lasciti in favore di una persona giuridica, deve darne notizia entro trenta giorni al rappresentante della persona giuridica e al prefetto della provincia in cui questa ha la sua sede.

Art. 8
La convocazione dell`assemblea delle associazioni deve farsi nelle forme stabilite dallo statuto e, se questo non dispone, mediante avviso personale che deve contenere l`ordine del giorno degli argomenti da trattare.
Se non e` vietato dall`atto costitutivo o dallo statuto, gli associati possono farsi rappresentare nell`assemblea da altri associati mediante delega scritta anche in calce all`avviso di convocazione.

Art. 9
Nell`ipotesi prevista dal quarto comma dell`art. 23 del codice il provvedimento di sospensione deve essere comunicato agli amministratori, i quali possono entro quindici giorni proporre reclamo.
In tal caso l`autorita` governativa, se non ritiene di revocare il provvedimento, ne da comunicazione al pubblico ministero, il quale promuove l`azione di annullamento della deliberazione.

Art. 10
abrogato

Art. 11
Quando la persona giuridica e` dichiarata estinta o quando l`associazione e` sciolta , il presidente del tribunale, su istanza degli amministratori, dei soci, dei creditori, del pubblico ministero o anche d`ufficio, nomina uno o piu` commissari liquidatori, salvo che l`atto costitutivo o lo statuto non preveda una diversa forma di nomina e a questa si proceda entro un mese dal provvedimento. La preventiva designazione dei liquidatori nell`atto costitutivo o nello statuto non ha effetto.
Quando lo scioglimento dell`associazione e deliberato dall`assemblea, la nomina puo` essere fatta dall`assemblea medesima con la maggioranza prevista dall`articolo 21 del codice.
Possono essere nominati liquidatori anche gli amministratori uscenti.
In ogni caso la nomina fatta dall`assemblea o nelle forme previste nell`atto costitutivo o nello statuto deve essere comunicata immediatamente al presidente del tribunale.

Art. 12
I liquidatori esercitano la loro funzione sotto la diretta sorveglianza del presidente del tribunale e si considerano ad ogni effetto di legge pubblici ufficiali . Essi possono essere revocati e sostituiti in ogni tempo anche di ufficio dallo stesso presidente con provvedimento non soggetto a reclamo.
I liquidatori deliberano a maggioranza.

Art. 13
I liquidatori, entro quindici giorni dalla comunicazione avutane, devono procedere all`annotazione della loro nomina nel registro dove la persona giuridica e` iscritta , e richiedere agli amministratori la consegna dei beni e delle scritture della persona giuridica. All`atto della consegna e` redatto inventario, di cui e` trasmessa copia al presidente del tribunale.
Se gli amministratori si rifiutano di procedere alla consegna, il presidente del tribunale autorizza il rilascio coattivo con decreto non soggetto a reclamo. In questo caso l`inventario e redatto dall`ufficiale giudiziario procedente.

Art. 14
Entro trenta giorni dalla formazione dell`inventario i liquidatori, dopo avere determinato la consistenza dell`attivo e del passivo dell`ente, se riconoscono che il patrimonio non e` sufficiente al pagamento integrale delle passivita`, devono iniziare la liquidazione generale dei beni nell`interesse di tutti i creditori, dandone avviso mediante annotazione nel registro delle persone giuridiche.
Il medesimo avviso deve essere dato nel caso in cui i liquidatori non ritengono di dover procedere alla liquidazione generale, essendovi eccedenza dell`attivo sul passivo.
In quest`ultimo caso i creditori dell`ente possono fare opposizione entro trenta giorni dall`annotazione chiedendo la liquidazione generale del patrimonio.
Le opposizioni si propongono davanti al presidente del tribunale. Contro il provvedimento di questo e` ammesso reclamo davanti al presidente della corte nel termine di quindici giorni. Il provvedimento definitivo e` annotato nel registro a cura dei liquidatori.

Art. 15
Quando non sono intervenute opposizioni ai sensi dell`articolo precedente o queste sono state rigettate con provvedimento definitivo, i liquidatori provvedono a riscuotere i crediti dell`ente, a convertire in danaro, nei limiti in cui e` necessario, i beni e a pagare i creditori a misura che si presentano.
I liquidatori possono provvedere al pagamento anche dei creditori il cui credito non e` attualmente esigibile, e devono provvedere alle cautele necessarie per assicurare il pagamento dei creditori condizionali.
Soddisfatti i creditori, i liquidatori formano l`inventario dei beni residuati e rendono conto della gestione al presidente del tribunale.
Copia dell`inventario e del rendiconto approvato dal presidente del tribunale deve essere trasmessa all`autorita` governativa.
I liquidatori distribuiscono i beni residuati a norma dell`art. 31 del codice, provocando, quando e` necessario, le disposizioni dell`autorita` governativa.

Art. 16
Quando e` disposta la liquidazione generale del patrimonio dell`ente si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni degli articoli 201, 207, 208, 209, 210, 212 e 213 del Regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, salve le disposizioni seguenti.

Art. 17
I termini, che secondo le disposizioni richiamate nell`articolo precedente. decorrono dalla data del provvedimento di liquidazione o di nomina dei liquidatori o dalla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, decorrono dalla data in cui e` stato annotato nel registro il provvedimento che dispone la liquidazione generale della persona giuridica ai sensi del precedente articolo 14.

Art. 18
La pubblicita` del provvedimento che ordina la liquidazione e del bilancio finale di liquidazione si attua mediante annotazione nel registro delle persone giuridiche a cura dei liquidatori. Nei casi in cui le norme richiamate nell`articolo 16 richiedono il deposito di atti nella cancelleria del tribunale, il deposito si deve effettuare presso la cancelleria in cui e` tenuto il registro delle persone giuridiche.

Art. 19
Le attribuzioni, che secondo le norme sulla liquidazione coatta amministrativa sono demandate all`autorita` che ha nominato il liquidatore, spettano al presidente del tribunale.

Art. 20
Chiusa la liquidazione, il presidente del tribunale ordina la cancellazione dell`ente dal registro delle persone giuridiche.
Il provvedimento di cancellazione e` annotato d`ufficio nel registro a cura della cancelleria del tribunale.

Art. 21
La competenza per i provvedimenti relativi alla liquidazione spetta al tribunale del capoluogo della provincia in cui e registrata la persona giuridica.

Artt. 22 - 30
Abrogati

Art. 31
Il trasferimento della residenza si prova con la doppia dichiarazione fatta al comune che si abbandona e a quello dove s`intende fissare la dimora abituale. Nella dichiarazione fatta al comune che si abbandona deve risultare il luogo in cui e` fissata la nuova residenza.

Art. 32
Il pubblico ministero deve essere sempre sentito nei procedimenti di volontaria giurisdizione riguardanti il fondo patrimoniale.

Art. 33
Nel caso previsto dall`articolo 183 del codice, il tribunale, in camera di consiglio, provvede con decreto, su istanza dell`altro coniuge, e sentito ilpubblico ministero.

Art. 34
Sulla domanda del figlio naturale per ottenere il mantenimento, l`istruzione e l`educazione di cui all`articolo 279, primo comma, del codice provvede il tribunale per i minorenni.

Art.34- bis
Il notaio rogante deve, nel termine di 30 giorni dalla data del matrimonio o dalla data dell`atto pubblico di modifica delle convenzioni, ovvero di quella dell`omologazione del caso previsto dal secondo comma dell`articolo 163 del codice, richiedere l`annotazione a margine dell`atto di matrimonio della convenzione matrimoniale dell`atto di modifica della stessa.
Nello stesso termine deve richiedere l`annotazione di cui all`ultimo comma dell`articolo 163 del codice.

Art.35
Il riconoscimento di cui al secondo comma dell`articolo 251 del codice e autorizzato dal tribunale per i minorenni se il figlio da riconoscere e minore.
Sulla domanda di legittimazione , di adozione e di revoca dell`adozione di minore di eta` provvede il tribunale per i minorenni.

Art. 36
La rinunzia alla cittadinanza di cui all`articolo 143 ter del codice deve essere fatta dinanzi all`ufficiale di stato civile del luogo dove la rinunziante risiede, ed e` trascritta nei registri di cittadinanza.
Qualora la rinunziante risieda all`estero, la rinunzia deve essere fatta dinanzi all`agente diplomatico o consolare del luogo di residenza. L`agente la trascrive in apposito registro e ne rimette immediatamente copia al Ministero dell`interno che ne cura, a mezzo dell`autorita` competente, la trascrizione nei registri di cittadinanza.

Art. 37
L`iscrizione nel registro previsto nell`articolo 314 del codice si esegue senza spese.
L`iscrizione della sentenza che revoca l`adozione deve essere altresi` annotata in margine all`iscrizione del decreto di adozione.

Art. 38
Sono di competenza del tribunale per i minorenni i provvedimenti contemplati dagli articoli 84, 90, 171, 194, comma secondo, 250, 252, 262, 264, 316, 317 bis, 330, 332, 333, 334, 335 e 371, ultimo comma, nonche` nel caso di minori dall`articolo 269, primo comma, codice civile.
Sono emessi dal tribunale ordinario i provvedimenti per i quali non e espressamente stabilita la competenza di una diversa autorita` giudiziaria.
In ogni caso il tribunale provvede in camera di consiglio sentito il pubblico ministero.
Quando il provvedimento e` emesso dal tribunale per i minorenni il reclamo si propone davanti alla sezione di corte di appello per i minorenni.

Art. 39
abrogato

Art. 40
La domanda per l`interdizione del minore emancipato e quella per l`interdizione o l`inabilitazione del minore nell`ultimo anno della minore eta`. devono essere proposte davanti al tribunale per i minorenni.

Art. 41
I provvedimenti previsti nell`articolo 145 del codice sono di competenza del tribunale del circondario del luogo in cui e` stabilita la residenza familiare o, se questa manchi, del tribunale del luogo del domicilio di uno dei coniugi. Il tribunale provvede in composizione monocratica.

Art. 42
I provvedimenti indicati nell`articolo 423 del codice e le sentenze di revoca previste nell`articolo 429 del codice stesso devono essere trasmessi in copia in carta libera, entro dieci giorni dalla pubblicazione, al giudice tutelare a cura del cancelliere dell`autorita` giudiziaria che li ha pronunziati.

Art. 43
I provvedimenti del giudice tutelare sono emessi con decreto.
Nei casi urgenti la richiesta di un provvedimento puo` essere fatta al giudice anche verbalmente.

Art. 44
Il giudice tutelare puo` convocare in qualunque momento il tutore, il protutore e il curatore allo scopo di chiedere informazioni, chiarimenti e notizie sulla gestione della tutela o della curatela.o dell`amministrazione di sostegno e di dare istruzioni inerenti agli interessi morali e patrimoniali del minore e del beneficiario.

Art. 45
La competenza a decidere dei reclami avverso i decreti del giudice tutelare spetta al tribunale ordinario quando si tratta dei provvedimenti indicati negli articoli 320, 321, 372, 373, 374, 376, secondo comma, 386, 394 e 395 del codice.
La competenza spetta al tribunale per i minorenni in tutti gli altri casi.
Nell`ipotesi prevista nell`articolo 386, ultimo comma, del codice l`autorita` giudiziaria competente provvede in sede contenziosa.

Art. 46
Tutti gli atti della procedura della tutela , compresi l`inventario, i conti annuali e il conto finale, sono esenti da tasse di bollo e di registro.
Sono del pari esenti da tasse di bollo e di registro gli atti previsti nel titolo XI del libro I del codice.

Art.46 bis
Gli attie i prvvedimenti relativi ai procedimentiprevisti dal titolo XII libro primo del codice non sono soggetti all`ibligo di registrazione e sono esenti dal contributo unificato previsto dall`articolo 9 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n115.

Art. 47
Presso l`ufficio del giudice tutelare sono tenuti un registro delle tutele dei minori e degli interdetti un regisrtro delle curatele dei minori emencipati e degli inabilitati ed un registro delle amministrazioni di sostegno.

Art. 48
Nel registro delle tutele, in un capitolo speciale per ciascuna di esse, si devono annotare a cura del cancelliere :
il giorno in cui si e` aperta la tutela;
la data e gli estremi essenziali della sentenza che ha pronunziato la interdizione se trattasi di interdetti
il nome, il cognome, la condizione e il domicilio del tutore e del protutore, la data della loro nomina e della prestazione del giuramento da parte del tutore;
le risultanze dell`inventario e del conto annuale
l`esonero e la rimozione del tutore o del protutore e in generale tutti i provvedimenti che portano modificazioni allo stato personale e patrimoniale della persona sottoposta a tutela;
la chiusura della tutela e la menzione del provvedimento che ne ha provocato la chiusura;
le risultanze del rendiconto definitivo.

Art. 49
Nel registro delle curatele, in un capitolo speciale per ciascuna di esse, si devono annotare a cura del cancelliere:
la data e gli estremi essenziali del provvedimento che concede l`emancipazione o della sentenza che pronunzia la inabilitazione;
il nome, il cognome, la condizione, l`eta` e il domicilio della persona emancipata o inabilitata;
il nome, il cognome, la condizione e il domicilio del curatore nominato all`emancipato o all`inabilitato;
la data del provvedimento che revoca l`emancipazione o della sentenza che revoca la inabilitazione.

Art.49 bis
Nel registro delle amministrazioni delle amministrazioni di sostegno in un capitolo speciale, per ciascuna di esse, si devono annotare a cura del cancelliere: 1) la data e,gli estremi essenziali del provvedimento che dispone l`amministrazione di sostegno e, di ogni altro provvedimento assunto dal giudice nel corso della stessa, compresi quelli emanati in via d`urgenza ai sensi dell`articolo 405 del codice; 2) le complete generalita` della persona beneficiaria; 3) le complete generalita` dell`amministratore di sostegno o, del legale rappresentante del soggetto che svolge la relativa funzione, quando non si tratta di persona fisica; 4) la data e, gli estrmi essenziali del provvedimento che dispone la revoca o, la chiusura dell`amministrazione di sostegno.

Art. 50
Il cancelliere e` responsabile della tenuta dei registri, che sono da lui numerati e vidimati prima di essere posti in uso.

Art. 51
Nel registro delle tutele devono essere annotati, in capitoli speciali per ciascun minore, i provvedimenti emanati dal tribunale per i minorenni ai sensi degli articoli 252, 262, 279, 316, 317-bis, 330, 332, 333, 334 e 335 del codice. A tal fine la cancelleria del tribunale che ha emesso il provvedimento deve trasmettere copia in carta libera entro dieci giorni all`ufficio del giudice tutelare del luogo in cui il minore ha il domicilio per la prescritta annotazione.

Art.51 bis
I provvedimenti previsti negli articoli 485, 1 comma, 508, 1 comma, 509, 1 comma, 517, 2 comma, 528, 1 comma, 529, 530, 1 comma, 620, 2 e 6 comma, 621, 1 comma, 730, 1 comma, e 736, 2 comma, del codice sono adottati dal tribunale in composizione monocratica.

Art. 52
Presso la cancelleria di ogni tribunale e` tenuto, a cura del cancelliere il registro delle successioni .
In questo registro sono inseriti gli estremi degli atti e delle dichiarazioni indicati dalla legge. L`inserzione e` fatta d`ufficio dal cancelliere, se si tratta di dichiarazioni da lui ricevute o di provvedimenti del tribunale; su istanza della parte e dietro produzione di copia autentica dell`atto, negli altri casi.
Il registro e` diviso in tre parti. Nella prima sono registrati le dichiarazioni di accettazione dell`eredita` con beneficio d`inventario e tutti gli atti e le indicazioni relativi al beneficio d`inventario e all`amministrazione e liquidazione delle eredita` beneficiate, comprese le nomine del curatore previste dagli articoli 508 e 509 del codice e la menzione della pubblicazione dell`invito ai creditori per la presentazione delle dichiarazioni di credito. Nella seconda sono registrate le dichiarazioni di rinunzia all`eredita`. Nella terza sono registrati i provvedimenti di nomina dei curatori delle eredita` giacenti, nonche` gli atti relativi alla curatela e le dichiarazioni di accettazione o di rinunzia degli esecutori testamentari .
Il registro deve essere alla fine munito di una rubrica alfabetica contenente l`indicazione del nome delle persone la cui successione si e` aperta e il riferimento alla pagina nella quale sono contenute le diverse indicazioni.

Art. 53
Il registro, prima di essere posto in uso, deve essere numerato e vidimato in ciascun foglio dal cancelliere. Nell`ultima pagina il cancelliere indica il numero dei fogli di cui esso e` composto.
Il registro puo` essere esaminato da chiunque ne faccia domanda e la cancelleria deve rilasciare gli estratti e i certificati che sono richiesti.

Art. 54
I creditori e i legatari non separatisti, se hanno proposto domanda giudiziale allo scopo di far valere sugli immobili separati il diritto loro attribuito dal secondo comma dell`articolo 514 del codice, possono fare annotare tale domanda in margine all`iscrizione in separazione.
Eseguita l`annotazione della domanda di concorso, il vincolo della separazione non puo` cessare se non col consenso di coloro che hanno eseguito l`annotazione, salvo che la loro pretesa sia stata giudizialmente esclusa.

Art. 55
Le copie dei verbali e dei testamenti, che sono trasmesse alla cancelleria del tribunale secondo l`articolo 622 del codice, devono, a cura del cancelliere, essere raccolte in appositi volumi e annotate in una rubrica alfabetica generale. Le copie possono essere esaminate da chiunque ne faccia richiesta.

Art. 56
Il provvedimento dell`autorita` amministrativa con il quale si dispone che si proceda all`espropriazione a norma dell`articolo 838 del codice e` dato con decreto motivato del ministro competente. Il decreto deve contenere la designazione precisa del bene soggetto a espropriazione e deve essere notificato all`interessato, il quale puo` impugnarlo con ricorso al consiglio di Stato.
Si osservano nell`espropriazione, in quanto applicabili, le norme della legge generale sull`espropriazione per pubblica utilita`.

Art. 57
Le azioni previste dagli articoli 848 e 849 del codice sono di competenza del tribunale, qualunque sia il valore della causa.
Nel caso regolato dall`articolo 849 il giudice fissa con ordinanza l`udienza per la comparizione del rappresentante dell`associazione professionale il quale puo` delegare altra persona. Si osservano nel resto, in quanto applicabili, le disposizioni dettate dal codice di procedura civile per i consulenti tecnici

Art. 57-bis
L`autorizzazione prevista nell`articolo 915, 1 comma, del codice e` data dal tribunale in composizione monocratica.

Art. 58
Le modalita` e gli effetti dell`affrancazione del fondo enfiteutico sono regolati dalle disposizioni della legge 11 giugno 1925, n. 998, e del Regio decreto 7 febbraio 1926, n. 426
Il prezzo di affrancazione puo` essere corrisposto anche in titoli del debito pubblico consolidato di qualsiasi specie, osservate, per la determinazione del loro valore, le disposizioni dell`articolo 9 della legge anzidetta.
Le disposizioni del primo comma del presente articolo si applicano anche alla riduzione in misura fissa dei canoni enfiteutici, dei censi e di altre prestazioni perpetue consistenti in una quota di prodotti naturali.

Art. 59
La domanda per la nomina dell`amministratore o per la designazione dell`istituto di credito nei casi previsti dall`articolo 1003 del codice, se non e` proposta in corso di giudizio, si propone con ricorso al presidente del tribunale: nel caso di nomina dell`amministratore, al presidente del tribunale del luogo in cui si trovano gli immobili o si trova la parte piu` rilevante di essi.
Il presidente del tribunale provvede con decreto, sentita l`altra parte.
Contro tale provvedimento si puo` proporre reclamo al presidente della corte d`appello nel termine di dieci giorni dalla notificazione.

Art. 60
Gli uffici tecnici che devono essere sentiti a norma del terzo comma dell`articolo 1092 del codice sono l`ufficio locale del genio civile e il locale ispettorato dell`agricoltura.

Art. 61
Qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzioni di piano a proprietari diversi si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi, il condominio puo` essere sciolto e i comproprietari di ciascuna parte possono costituirsi in condominio separato.
Lo scioglimento e` deliberato dall`assemblea con la maggioranza prescritta dal secondo comma dell`articolo 1136 del codice, o e disposto dall`autorita` giudiziaria su domanda di almeno un terzo dei comproprietari di quella parte dell`edificio della quale si chiede la separazione.

Art. 62
La disposizione del primo comma dell`articolo precedente si applica anche se restano in comune con gli originari partecipanti alcune delle cose indicate dall`articolo 1117 del codice.
Qualora la divisione non possa attuarsi senza modificare lo stato delle cose e occorrano opere per la sistemazione diversa dei locali o delle dipendenze tra i condomini, lo scioglimento del condominio deve essere deliberato dall`assemblea con la maggioranza prescritta dal quinto comma dell`articolo 1136 del codice stesso.

Art. 63
Per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea, l'amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, puo' ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione, ed e' tenuto a comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condomini morosi.
I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l'escussione degli altri condomini.
In caso di mora nel pagamento dei contributi che si sia protratta per un semestre, l'amministratore puo' sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato.
Chi subentra nei diritti di un condomino e' obbligato solidalmente con questo al pagamento dei contributi relativi all'anno in corso e a quello precedente.
Chi cede diritti su unita' immobiliari resta obbligato solidalmente con l'avente causa per i contributi maturati fino al momento in cui e' trasmessa all'amministratore copia autentica del titolo che determina il trasferimento del diritto

NB: testo cos modificato dalla legge di riforma del condominio (Legge 11 dicembre 2012 , n. 220 in vigore dal 18 giugno 2013)
Il testo precedente alla riforma era il seguente:
Art. 63 - Per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall`assemblea , l`amministratore puo` ottenere decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione .
Chi subentra nei diritti di un condominio e obbligato, solidalmente con questo, al pagamento dei contributi relativi all`anno in corso e a quello precedente.
In caso di mora nel pagamento dei contributi, che si sia protratta per un semestre, l`amministratore, se il regolamento di condominio ne contiene l`autorizzazione, puo` sospendere al condomino moroso l`utilizzazione dei servizi comuni che sono suscettibili di godimento separato.

Art. 64
Sulla revoca dell'amministratore, nei casi indicati dall'undicesimo comma dell'articolo 1129 e dal quarto comma dell'articolo 1131 del codice, il tribunale provvede in camera di consiglio, con decreto motivato, sentito l'amministratore in contraddittorio con il ricorrente.
Contro il provvedimento del tribunale puo' essere proposto reclamo alla corte d'appello nel termine di dieci giorni dalla notificazione o dalla comunicazione
NB: testo cos modificato dalla legge di riforma del condominio (Legge 11 dicembre 2012 , n. 220 in vigore dal 18 giugno 2013)
Il testo precedente alla riforma era il seguente:
Sulla revoca dell`amministratore, nei casi indicati dal terzo comma dell`articolo 1129 e dall`ultimo comma dell`articolo 1131 del codice, il tribunale provvede in camera di consiglio, con decreto motivato, sentito l`amministratore medesimo.
Contro il provvedimento del tribunale puo` essere proposto reclamo alla corte d`appello nel termine di dieci giorni dalla notificazione.


Art. 65
Quando per qualsiasi causa manca il legale rappresentante dei condomini, chi intende iniziare o proseguire una lite contro i partecipanti a un condominio puo` richiedere la nomina di un curatore speciale ai sensi dell`articolo 80 del Codice di Procedura Civile. Il curatore speciale deve senza indugio convocare l`assemblea dei condomini per avere istruzioni sulla condotta della lite.

Art. 66
L`assemblea, oltre che annualmente in via ordinaria per le deliberazioni indicate dall`articolo 1135 del codice, puo` essere convocata in via straordinaria dall`amministratore quando questi lo ritiene necessario o quando ne e` fatta richiesta da almeno due condomini che rappresentino un sesto del valore dell`edificio. Decorsi inutilmente dieci giorni dalla richiesta, i detti condomini possono provvedere direttamente alla convocazione.
In mancanza dell`amministratore, l`assemblea tanto ordinaria quanto straordinaria puo` essere convocata a iniziativa di ciascun condo`mino.
L'avviso di convocazione, contenente specifica indicazione dell'ordine del giorno, deve essere comunicato almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza in prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano, e deve contenere l'indicazione del luogo e dell'ora della riunione. In caso di omessa, tardiva o incompleta convocazione degli aventi diritto, la deliberazione assembleare e' annullabile ai sensi dell'articolo 1137 del codice su istanza dei dissenzienti o assenti perche' non ritualmente convocati. L'assemblea in seconda convocazione non puo' tenersi nel medesimo giorno solare della prima. L'amministratore ha facolta' di fissare piu' riunioni consecutive in modo da assicurare lo svolgimento dell'assemblea in termini brevi, convocando gli aventi diritto con un unico avviso nel quale sono indicate le ulteriori date ed ore di eventuale prosecuzione dell'assemblea validamente costituitasi.

Art. 67
Ogni condomino puo' intervenire all'assemblea anche a mezzo di rappresentante, munito di delega scritta.
Se i condomini sono piu' di venti, il delegato non puo' rappresentare piu' di un quinto dei condomini e del valore proporzionale.
Qualora un'unita' immobiliare appartenga in proprieta' indivisa a piu' persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell'assemblea, che e' designato dai comproprietari interessati a norma dell'articolo 1106 del codice.
Nei casi di cui all'articolo 1117-bis del codice, quando i partecipanti sono complessivamente piu' di sessanta, ciascun condominio deve designare, con la maggioranza di cui all'articolo 1136, quinto comma, del codice, il proprio rappresentante all'assemblea per la gestione ordinaria delle parti comuni a piu' condominii e per la nomina dell'amministratore.
In mancanza, ciascun partecipante puo' chiedere che l'autorita' giudiziaria nomini il rappresentante del proprio condominio.
Qualora alcuni dei condominii interessati non abbiano nominato il proprio rappresentante, l'autorita' giudiziaria provvede alla nomina su ricorso anche di uno solo dei rappresentanti gia' nominati, previa diffida a provvedervi entro un congruo termine.
La diffida ed il ricorso all'autorita' giudiziaria sono notificati al condominio cui si riferiscono in persona dell'amministratore o, in mancanza, a tutti i condomini.
Ogni limite o condizione al potere di rappresentanza si considera non apposto.
Il rappresentante risponde con le regole del mandato e comunica tempestivamente all'amministratore di ciascun condominio l'ordine del giorno e le decisioni assunte dall'assemblea dei rappresentanti dei condominii. L'amministratore riferisce in assemblea.
All'amministratore non possono essere conferite deleghe per la partecipazione a qualunque assemblea.
L'usufruttuario di un piano o porzione di piano dell'edificio esercita il diritto di voto negli affari che attengono all'ordinaria amministrazione e al semplice godimento delle cose e dei servizi comuni.
Nelle altre deliberazioni, il diritto di voto spetta ai proprietari, salvi i casi in cui l'usufruttuario intenda avvalersi del diritto di cui all'articolo 1006 del codice ovvero si tratti di lavori od opere ai sensi degli articoli 985 e 986 del codice.
In tutti questi casi l'avviso di convocazione deve essere comunicato sia all'usufruttuario sia al nudo proprietario.
Il nudo proprietario e l'usufruttuario rispondono solidalmente per il pagamento dei contributi dovuti all'amministrazione condominiale.

Art. 68
Ove non precisato dal titolo ai sensi dell'articolo 1118, per gli effetti indicati dagli articoli 1123, 1124, 1126 e 1136 del codice, il valore proporzionale di ciascuna unita' immobiliare e' espresso in millesimi in apposita tabella allegata al regolamento di condominio.
Nell'accertamento dei valori di cui al primo comma non si tiene conto del canone locatizio, dei miglioramenti e dello stato di manutenzione di ciascuna unita' immobiliare.

Art. 69
I valori proporzionali delle singole unita' immobiliari espressi nella tabella millesimale di cui all'articolo 68 possono essere rettificati o modificati all'unanimita'. Tali valori possono essere rettificati o modificati, anche nell'interesse di un solo condomino, con la maggioranza prevista dall'articolo 1136, secondo comma, del codice, nei seguenti casi:
1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;
2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unita' immobiliari, e' alterato per piu' di un quinto il valore proporzionale dell'unita' immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il relativo costo e' sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione.
Ai soli fini della revisione dei valori proporzionali espressi nella tabella millesimale allegata al regolamento di condominio ai sensi dell'articolo 68, puo' essere convenuto in giudizio unicamente il condominio in persona dell'amministratore. Questi e' tenuto a darne senza indugio notizia all'assemblea dei condomini.
L'amministratore che non adempie a quest'obbligo puo' essere revocato ed e' tenuto al risarcimento degli eventuali danni.
Le norme di cui al presente articolo si applicano per la rettifica o la revisione delle tabelle per la ripartizione delle spese redatte in applicazione dei criteri legali o convenzionali.

Art. 70
Per le infrazioni al regolamento di condominio puo' essere stabilito, a titolo di sanzione, il pagamento di una somma fino ad euro 200 e, in caso di recidiva, fino ad euro 800. La somma e' devoluta al fondo di cui l'amministratore dispone per le spese ordinarie.

Art. 71
Il registro indicato dal 4 comma dell`articolo 1129 e dal 3 comma dell`articolo 1138 del codice e` tenuto presso l`associazione professionale dei proprietari di fabbricati.
Art. 71 bis
Possono svolgere l'incarico di amministratore di condominio coloro:
a) che hanno il godimento dei diritti civili;
b) che non sono stati condannati per delitti contro la pubblica amministrazione, l'amministrazione della giustizia, la fede pubblica, il patrimonio o per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commina la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni e, nel massimo, a cinque anni;
c) che non sono stati sottoposti a misure di prevenzione divenute definitive, salvo che non sia intervenuta la riabilitazione;
d) che non sono interdetti o inabilitati;
e) il cui nome non risulta annotato nell'elenco dei protesti cambiari;
f) che hanno conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado;
g) che hanno frequentato un corso di formazione iniziale e svolgono attivita' di formazione periodica in materia di amministrazione condominiale.
I requisiti di cui alle lettere f) e g) del primo comma non sono necessari qualora l'amministratore sia nominato tra i condomini dello stabile.
Possono svolgere l'incarico di amministratore di condominio anche societa' di cui al titolo V del libro V del codice. In tal caso, i requisiti devono essere posseduti dai soci illimitatamente responsabili, dagli amministratori e dai dipendenti incaricati di svolgere le funzioni di amministrazione dei condominii a favore dei quali la societa' presta i servizi.
La perdita dei requisiti di cui alle lettere a), b), c), d) ed e) del primo comma comporta la cessazione dall'incarico. In tale evenienza ciascun condomino puo' convocare senza formalita' l'assemblea per la nomina del nuovo amministratore.
A quanti hanno svolto attivita' di amministrazione di condominio per almeno un anno, nell'arco dei tre anni precedenti alla data di entrata in vigore della presente disposizione, e' consentito lo svolgimento dell'attivita' di amministratore anche in mancanza dei requisiti di cui alle lettere f) e g) del primo comma. Resta salvo l'obbligo di formazione periodica.

Art. 71-ter.
Su richiesta dell'assemblea, che delibera con la maggioranza di cui al secondo comma dell'articolo 1136 del codice, l'amministratore e' tenuto ad attivare un sito internet del condominio che consenta agli aventi diritto di consultare ed estrarre copia in formato digitale dei documenti previsti dalla delibera assembleare. Le spese per l'attivazione e la gestione del sito internet sono poste a carico dei condomini.

Art. 71-quater
Per controversie in materia di condominio, ai sensi dell'articolo 5, comma 1, del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, si intendono quelle derivanti dalla violazione o dall'errata applicazione delle disposizioni del libro III, titolo VII, capo II, del codice e degli articoli da 61 a 72 delle presenti disposizioni per l'attuazione del codice.
La domanda di mediazione deve essere presentata, a pena di inammissibilita', presso un organismo di mediazione ubicato nella circoscrizione del tribunale nella quale il condominio e' situato.
Al procedimento e' legittimato a partecipare l'amministratore, previa delibera assembleare da assumere con la maggioranza di cui all'articolo 1136, secondo comma, del codice.
Se i termini di comparizione davanti al mediatore non consentono di assumere la delibera di cui al terzo comma, il mediatore dispone, su istanza del condominio, idonea proroga della prima comparizione.
La proposta di mediazione deve essere approvata dall'assemblea con la maggioranza di cui all'articolo 1136, secondo comma, del codice. Se non si raggiunge la predetta maggioranza, la proposta si deve intendere non accettata.
Il mediatore fissa il termine per la proposta di conciliazione di cui all'articolo 11 del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, tenendo conto della necessita' per l'amministratore di munirsi della delibera assembleare.
Art. 72
I regolamenti di condominio non possono derogare alle disposizioni dei precedenti articoli 63, 66, 67 e 69.

Art. 73
Gli atti di offerta reale e quelli di deposito previsti dagli articoli 1209, primo comma, 1212 e 1214 del codice, sono eseguiti da un notaio o da un ufficiale giudiziario.
Le offerte per intimazione, previste dagli articoli 1209, secondo comma, e 1216,primo comma, sono eseguite con atto di ufficiale giudiziario.

Art.73 bis
I provvedimenti previsti negli articoli 1211, 1514, primo comma, 1515, terzo comma, e 1841 del codice sono adottati dal tribunale in composizione monocratica

Art. 74
Il processo verbale dell`offerta reale deve essere redatto in conformita` delle disposizioni dell`articolo 126 del codice di procedura civile e deve in particolare contenere la specificazione dell`oggetto dell`offerta e le dichiarazioni del creditore.
Quando l`offerta e` accettata, il pubblico ufficiale esegue il pagamento e riceve le dichiarazioni del creditore per quietanza e per liberazione dalle garanzie.
Se il creditore non e` presente all`offerta, il processo verbale deve essergli notificato nelle forme prescritte per la citazione.
L`intimazione prescritta dall`articolo 1212, n 1, del codice, puo` essere fatta con lo stesso atto di notificazione del verbale dell`offerta. In ogni caso tra l`intimazione e il deposito deve trascorrere un termine non minore di giorni tre.

Art. 75
L`atto di intimazione, nei casi previsti dagli articoli 1209, secondo comma, e 1216, primo comma, del codice, deve contenere l`indicazione del giorno, dell`ora e del luogo in cui il debitore intende procedere alla consegna delle cose mobili o al rilascio dell`immobile a favore del creditore, con rispetto di un intervallo non minore di giorni tre.
La mancata comparizione del creditore o il suo rifiuto di accettare l`offerta sono accertati con verbale redatto da un notaio o da un ufficiale giudiziario nel luogo, nel giorno e nell`ora indicati nell`atto di intimazione, con tutte le altre indicazioni prescritte dal primo comma dell`articolo precedente, e da tale giorno decorrono gli effetti della mora.

Art. 76
I depositi che hanno per oggetto titoli di credito o somme di danaro debbono essere eseguiti presso la cassa dei depositi e prestiti secondo le norme della legge speciale oppure presso un istituto di credito.

Art. 77
Il deposito di cose mobili diverse dal danaro e di titoli di credito, nei casi previsti dagli articoli 1210, primo comma, e 1214 del codice e in ogni altro caso in cui esso sia prescritto dalla legge o dal giudice , ovvero sia voluto dalle parti, si esegue presso stabilimenti di pubblico deposito a norma delle leggi speciali.
Qualora non esistano stabilimenti di pubblico deposito nel luogo in cui deve essere eseguita la prestazione, o se ricorrono particolari ragioni, il pretore del luogo predetto, su ricorso della parte interessata, puo` autorizzare con decreto il deposito presso altro locale idoneo.

Art. 78
Il pubblico ufficiale, che a norma dell`articolo 1210 del codice procede al deposito di danaro, di titoli di credito o di altre cose mobili, deve redigere processo verbale della relativa operazione in conformita` del successivo articoli 1212, n 3, e dell`articolo 126 del Codice di Procedura Civile, e consegnarne copia al depositario, nonche` al creditore comparso, se la richiede.
Se il creditore non e` stato presente, deve essergli notificata copia del processo verbale nelle forme prescritte per gli atti di citazione.

Art. 79
Il sequestratario dell`immobile, nel caso previsto dal secondo comma dell`articolo 1216 del codice, e` nominato, se non vi e` giudizio pendente, dal presidente del tribunale del luogo in cui si trova l`immobile.
Il presidente del tribunale provvede con decreto, sentito il creditore. Contro tale decreto e` ammesso reclamo al presidente della corte di appello, entro dieci giorni dalla notificazione.
La consegna dell`immobile al sequestratario deve risultare da processo verbale redatto da un notaio o da un ufficiale giudiziario. Copia del processo verbale deve essere notificata al creditore che non sia stato presente.

Art. 80
L`atto di intimazione previsto dall`articolo 1217 del codice, se non e` determinato il tempo in cui la prestazione deve essere eseguita, e in ogni caso se la prestazione medesima deve effettuarsi in localita` diversa dal domicilio del creditore, deve contenere l`indicazione del giorno, dell`ora e del luogo in cui il debitore intende eseguire la prestazione, col rispetto di un intervallo di almeno tre giorni, a meno che la natura del rapporto non imponga un intervallo minore.
Il mancato ricevimento della prestazione da parte del creditore nel giorno stabilito puo` essere accertato nelle forme di uso e da tale giorno decorrono gli effetti della mora.

Art. 81
Nei casi previsti dagli articoli 1286, terzo comma e 1287, terzo comma, del codice, l`istanza per la fissazione del termine entro il quale deve essere fatta la scelta e quella per la scelta della prestazione da parte del giudice si propongono, se non vi e giudizio pendente, davanti l`autorita` giudiziaria del luogo in cui la prestazione deve eseguirsi, osservate le disposizioni previste rispettivamente dagli articoli 749 e 750 del codice di procedura civile.

Art. 82
L`istanza per la nomina del terzo nei casi previsti dal secondo comma dell`aritcolo 1473 del codice, qualora non vi sia giudizio in corso, si propone con ricorso al presidente del tribunale del luogo in cui deve eseguirsi la consegna della cosa a norma dell`articolo 1510 del codice.
Il ricorso deve essere notificato alle altre parti interessate e al terzo. Il presidente del tribunale provvede con decreto; contro di questo e` ammesso reclamo al primo presidente della corte di appello entro dieci giorni dalla notificazione.
La nomina deve cadere normalmente su persona esperta iscritta in albi o elenchi o ruoli istituiti a norma di legge.

Art. 83
Sono autorizzati alle operazioni di vendita con o senza incanto a norma dell`articolo 1515 del codice, o alle operazioni di compra a norma del successivo articolo 1516 :
1) gli agenti di cambio, per i valori pubblici e per i titoli di credito specificati nelle leggi sulle borse;
2) i mediatori in merci iscritti presso i consigli provinciali delle corporazioni , per le merci e le derrate.
La vendita all`incanto deve essere annunziata con le forme di una pubblicita` commerciale adeguata alla natura ed al valore delle cose poste in vendita.
Il verbale d`incanto e` depositato nella cancelleria della pretura del luogo in cui si e` proceduto alla vendita.( ora del tribunale)
Le operazioni di vendita senza incanto e quelle di compra devono essere documentate mediante certificato, fattura o fissato bollato, in doppio esemplare, uno dei quali e consegnato alla parte richiedente e l`altro, vistato da questa, e conservato dalla persona che ha eseguito l`incarico.
Il compenso dovuto alla persona predetta, se non esiste una tariffa approvata, e` stabilito con decreto del pretore del luogo in cui l`incarico e stato eseguito.

Art. 84
Il contratto di vendita con riserva di proprieta` di macchine per prezzo superiore a lire trentamila, deve essere iscritto, agli effetti previsti dal secondo comma dell`articolo 1524 del codice, nel registro istituito presso la cancelleria del tribunale nella cui giurisdizione la macchina viene collocata.
Le sottoscrizioni delle parti devono essere autenticate, se il contratto non risulta da atto pubblico.

Art.85-91
abrogati

Art. 92
Il decreto, previsto dall`articolo 2409 del codice, che nomina l`amministratore giudiziario nelle societa` di cui ai capi V e VI del libro V del codice, priva l`imprenditore, dalla sua data, dell`amministrazione della societa` nei limiti dei poteri conferiti all`amministratore giudiziario.
Salvo cheil decreto disponga diversamente, l`amministratore giudiziario non puo` compiere atti eccedenti l`ordinaria amministrazione senza l`autorizzazione del tribunale.
Entro i limiti dei poteri conferitigli l`amministratore sta in giudizio nelle controversie, anche pendenti, relative alla gestione della societa`. All`amministratore giudiziario possono essere attribuiti per determinati atti, poteri dell`assemblea.Le relative deliberazioni non sono efficaci senza l`approvazione del tribunale.
Il compenso dell`amministratoregiudiziario e` determinato dal tribunale.

Art. 93
L`amministratore giudiziario e`, per quanto attiene all`esercizio delle sue funzioni, pubblico ufficiale.

Art. 94
L`amministratore giudiziario deve adempiere ai doveri del proprio ufficio con la diligenza richiesta dalla natura del proprio ufficio e puo` essere revocato dal tribunale su richiesta dei soggetti legittimati a chiederne la nomina.
L`amministratore che cessa dal suo ufficio deposita nella cancelleria del tribunale del luogo, ove e` la sede principale dell`impresa, il conto della gestione. L`avvenuto deposito e comunicato immediatamente alla societa`.
Il presidente del tribunale con decreto fissa l`udienza, in termine non inferiore a quindici giorni dal deposito, nella quale le parti possono presentare le loro osservazioni, e nomina un giudice per la procedura. Non sono ammesse contestazioni relative ai criteri tecnici della gestione nei limiti dei poteri conferiti all`amministratore.
Si applicano le disposizioni degli articoli 263, secondo comma, e seguenti del codice di procedura civile.

Art. 95
Quando le leggi o le norme corporative non dispongono, l`appartenenza alla categoria d`impiegato o di operaio e` determinata dal Regio decreto legge 13 novembre 1994, n 1825, convertito nella legge 18 marzo 1926, n 562.

Art. 96
L`imprenditore deve far conoscere al prestatore di lavoro, al momento dell`assunzione, la categoria e la qualifica che gli sono assegnate in relazione alle mansioni per cui e stato assunto.
Le qualifiche dei prestatori di lavoro, nell`ambito di ciascuna delle categorie indicate nell`articolo 2095 del codice, possono essere stabilite e raggruppate per gradi secondo la loro importanza nell`ordinamento dell`impresa. Il prestatore di lavoro assume il grado gerarchico corrispondente alla qualifica e alle mansioni.
I contratti collettivi di lavoro possono stabilire che, nel caso di divergenza tra l`imprenditore e il prestatore di lavoro circa l`assegnazione della qualifica, l`accertamento dei fatti rilevanti per la determinazione della qualifica venga fatto da un collegio costituito da un funzionario dell`ispettorato corporativo ( oggi ispettorato del lavoro) che presiede, e da un delegato di ciascuna delle associazioni professionali che rappresentano le categorie interessate.
Sui fatti rilevanti per la determinazione della qualifica che hanno formato oggetto dell`accertamento compiuto con tali forme, non sono ammesse nuove indagini o prove, salvo che l`accertamento sia viziato da errore manifesto.

Art. 97
Nel caso previsto dall`articolo 2106 del codice, ai prestatori di lavoro addetti alle imprese esercitate da enti pubblici inquadrati sindacalmente, le sanzioni disciplinari stabilite nei regolamenti emanati dagli enti medesimi si applicano solo in quanto compatibili con le particolari disposizioni dei contratti collettivi a cui gli enti sono soggetti.

Art. 98
Nei rapporti d`impiego inerenti all`esercizio dell`impresa, in mancanza di norme corporative o di usi piu` favorevoli, per quanto concerne il trattamento cui ha diritto l`impiegato nei casi d`infortunio, di malattia, di gravidanza o di puerperio , la durata del periodo feriale , del periodo di preavviso , la misura dell`indennita` sostitutiva di questo e l`ammontare dell`indennita` di anzianita` in caso di cessazione del rapporto , si applicano le corrispondenti norme del Regio decreto legge 13 novembre 1924, n 1825, convertito nella legge 18 marzo 1926, n 562. Le richiamate norme si applicano altresi` ai rapporti d`impiego dei dipendenti di enti pubblici anche se non inquadrati sindacalmente, in quanto il rapporto non sia diversamente disciplinato da leggi o regolamenti speciali, nonche` ai rapporti d`impiego non inerenti all`esercizio di un`impresa, in quanto non esistano convenzioni od usi piu` favorevoli al prestatore di lavoro.

Art. 99
Le disposizioni relative all`istituzione del registro delle imprese previsto dall`articolo 2188 del codice saranno emanate con decreto del Presidente della Repubblica. Tale decreto stabilira` altresi` la data di attuazione del registro delle imprese, nonche` le condizioni per l`iscrizione delle imprese individuali e sociali esistenti in tale momento.

Artt.1-99 - Artt.100-256


Codice Civile (Indice)
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Newsletter f g+ t in Rss