Sei in: Home » Articoli

Furto in cassetta di sicurezza: se c'Ŕ colpa grave il risarcimento Ŕ integrale

Per la Cassazione, in caso di inadeguatezza dei sistema di sicurezza, deve risarcire il valore dell'intero contenuto della cassetta al cliente
cassette sicurezza bancarie

di Giorgio L'Abbate ľ In caso di furto in cassetta di sicurezza, la banca non pu˛ esimersi dal risarcire l'intero contenuto se non ha messo in atto sistemi di sicurezza adeguati a garantirne la protezione. Non pu˛ invocarsi in tale ipotesi la clausola limitativa della responsabilitÓ, che Ŕ applicabile solo in caso di colpa lieve e non giÓ nelle ipotesi di colpa grave. Lo ha affermato la Cassazione (con la sentenza n. 18637/2017, qui sotto allegata), respingendo il ricorso di un istituto di credito e confermando il risarcimento di circa un milione di euro al cliente che aveva subito, a seguito di una rapina al caveau, il trafugamento di tutto il contenuto della propria cassetta di sicurezza contenente valuta e gioielli.

La vicenda

Nella vicenda, la corte di merito, riteneva (censurando la decisione di primo grado sul punto della prova liberatoria ex art. 1839 c.c.) che "il giudizio circa le misure di sicurezza non va formulato ex ante, ma proprio ex post e non avuto riguardo all'astratta idoneitÓ dei sistemi di controllo, ma, nello specifico, a come questi abbiano in concreto operato, essendo l'istituto tenuto a garantire il risultato dell'integritÓ della cassetta". Riesaminando perci˛ le risultanze istruttorie ed evidenziati i profili di colpa in capo all'ente creditizio (tra cui sistemi di allarme disattivati, porta blindata del caveau aperta; ecc.) e ritenendo al contempo inidonee le modalitÓ dell'evento a giustificare il caso fortuito, il giudice di secondo grado affermava la responsabilitÓ dell'istituto bancario, quantificando il danno in via presuntiva sulla base della denuncia dettagliata del contenuto della cassetta, delle deposizioni testimoniali raccolte e degli esiti del deferito giuramento estimatorio.

La responsabilitÓ della banca

La Cassazione concorda con il giudizio della corte di merito e ribadisce innanzitutto che secondo il modello di responsabilitÓ delineato dall'art. 1839 c.c., "la banca che presta il servizio di cassette di sicurezza risponde dell'obbligazione di custodia ed idoneitÓ dei locali e di integritÓ delle cassette assunto con la conclusione del contratto nei soli limiti in cui l'inadempimento della predetta obbligazione non sia imputabile al caso fortuito".

Il furto non costituisce caso fortuito

Posto che per costante giurisprudenza, dunque, il furto "non costituisce caso fortuito, in quanto Ŕ evento prevedibile in considerazione della natura della prestazione dedotta in contratto", l'accertamento della responsabilitÓ della banca in caso di inadempimento va condotto alla stregua degli ordinari canoni di giudizio che presiedono all'accertamento della responsabilitÓ contrattuale.

Niente limitazione di responsabilitÓ per colpa grave

E dunque, grava sulla banca l'onere di dimostrare che "l'inadempimento dell'obbligazione di custodia Ŕ ascrivibile ad impossibilitÓ della prestazione ad essa non imputabile, non essendo sufficiente ad escludere la colpa la prova generica della sua diligenza". Relativamente poi alla clausola limitativa del valore risarcibile, si tratta di norma pattizia, ricordano gli Ermellini, rammentando che "Ŕ nullo qualsiasi patto che escluda o limiti preventivamente la responsabilitÓ del debitore per dolo o colpa grave".

Per cui alla banca Ŕ precluso valersi di tale limitazione, laddove, come nel caso di specie, l'inadempimento non sia dovuto a colpa lieve bensý a dolo o colpa grave. Il ricorso Ŕ rigettato e il risarcimento confermato.

Cassazione, sentenza n. 18637/2017
(20/08/2017 - Giorgio L'Abbate)
Le pi¨ lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: Ŕ nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve pi¨ sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve pi¨ sicurezza nei tribunali
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF