Sei in: Home » Articoli

Medici fiscali: premi in denaro per chi becca più assenteisti dal lavoro

Emanate le linee di indirizzo Inps-sindacati per il polo unico delle visite fiscali

di Gabriella Lax - Un atto di indirizzo per i medici che prevede un Polo unico per le visite e sulle assenze per malattia. Arrivano le linee guida pubblicate Inps-sindacati per fare chiarezza sull'attuazione della riforma Madia nella parte che interessa il Polo unico per le visite malattia nel settore pubblico e privato che farà capo all'istituto di previdenza. Prevista un'indennità oraria base di disponibilità e maggiorazioni proporzionate al numero di visite di controllo domiciliari e ambulatoriali ed eventualmente legate a specifici obiettivi.

Polo unico visite fiscali: la riforma

L'idea è quella di arrivare ad una «migliore distribuzione e copertura territoriale degli accertamenti, la riduzione dei costi anche in ragione di un'ottimale dislocazione dei medici e del contenimento dei rimborsi e delle indennità chilometriche, l'equa assegnazione degli incarichi e l'incremento del numero e dell'efficienza dei controlli, utilizzando al meglio le risorse attribuite».

Come riporta Adnkronos, per il presidente dell'Associazione dei medici fiscali (Anmefi), Claudio Palombi, la riforma del sistema delle visite malattia «deve stabilire un trattamento economico base dignitoso e uniforme sul territorio nazionale per chi svolge la stessa attività professionale, che abbia una variabilità legata a obiettivi e carichi di lavoro diversi, ma che non stravolga il concetto di equità e uniformità». Gli fa eco il segretario nazionale del settore Inps della Fimmg, Alfredo Petrone che chiarisce «Per la prima volta i medici fiscali hanno un accordo collettivo nazionale con una convenzione da stipulare tra l'Inps e i sindacati per rendere esecutivo il polo unico. Il Governo ha fatto il suo dovere ora tocca a noi insieme all'Istituto previdenziale scrivere un accordo che ottimizzi il servizio per cui il polo è stato creato e che dia stabilità ai medici». 

Medici fiscali: l'indennità oraria e i compensi in base al numero di visite

L'atto di indirizzo per i medici prevede «un'indennità oraria base di disponibilità e maggiorazioni proporzionate al numero di visite di controllo domiciliari e ambulatoriali ed eventualmente legate a specifici obiettivi» stabiliti nelle convenzioni tra Inps e sindacati dei medici che svolgono gli accertamenti sui lavoratori dipendenti pubblici e privati assenti per malattia.

Durata triennale della convenzione

La convenzione che regolerà il rapporto tra l'Inps e i medici del settore avrà durata triennale e «dovrà essere stipulata entro il 31 agosto». Sarà lo stesso atto d'indirizzo, in caso di ritardi, a stabilire una disciplina transitoria, come previsto dal decreto Madia. 

Individuazione del personale medico

Circa l'individuazione dei medici per effettuare le visite serve «garantire il prioritario ricorso» a coloro che sono iscritti alle cosiddette liste speciali ad esaurimento, ma saranno anche previste «procedure selettive pubbliche e trasparenti» nelle quali, oltre a garantire la copertura capillare sul territorio, «si potrà riconoscere e valorizzare con apposito punteggio la professionalità maturata» dai medici che rientrano in tre categorie. Si tratta degli iscritti alle liste Inps dopo il 2007, coloro che hanno svolto un'attività analoga presso le Asl, come liberi professionisti (seppure all'interno di precisi paletti), i medici convenzionati esterni con l'Inps da almeno 36 mesi negli ultimi 5 anni. Le convenzioni stabiliranno, tra l'altro, «i criteri e i casi di incompatibilità, anche in relazione alle funzioni di certificazione delle malattie».  

Visite fiscali: gli orari

Il polo unico della medicina fiscale partirà dal primo settembre, con una "fase ponte", anche nel caso in cui non sia stato ancora firmato l'accordo tra l'Inps e i sindacati per regolare il rapporto di lavoro dei medici.

Le fasce orarie per le visite al momento sono diverse ma saranno omologate grazie a un decreto. Attualmente sono previste quattro ore al giorno per il settore privato (dalle 10 alle 12 la mattina e dalle 17 alle 19 la sera) e sette per il pubblico (dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18).

(01/08/2017 - Gabriella Lax)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF