Sei in: Home » Articoli

Al via il WiFi unico e gratuito in tutta Italia

Partita WiFii Italia, prima rete nazionale libera e gratuita per cittadini e turisti. All'interno il link alla pagina per scaricarel'app
cartello che indica wifi gratis

Navigare su internet gratis in tutta Italia utilizzando lo stesso account su WiFi pubblici? Da oggi si può grazie a WiFi Italia, prima rete Wifi nazionale, libera e gratuita per cittadini e turisti: l'applicazione che consente di viaggiare su internet nel nostro Paese, ricevendo anche contenuti e informazioni.

Come funziona WiFi Italia

Nell'ambito degli obiettivi posti dalla comunità europea in materia di telecomunicazioni, la nascita dell'applicazione era stata annunciata alla fine dello scorso anno.

Leggi: Wifi unico e gratis in tutta Italia

WiFi Italia vuole fornire a cittadini e turisti la possibilità di collegarsi a Internet gratuitamente, usando un hotspot wireless che nell'anno corrente dovrebbero essere circa 28mila.

Si tratta di un sistema federato che, nelle intenzioni del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT) e l'AgID (Agenzia per l'Italia Digitale), può consentire la connessione a tutte le reti WiFi del territorio utilizzando le stesse credenziali d'accesso.

Il progetto è stato sviluppato e curato da Infratel Itala S.p.A. Il sistema attualmente funziona solo in alcune decine di punti al Centro e al Nord del Paese. Tra le prime città ad aver aderito, federando e integrando le reti free wifi metropolitane e regionali già esistenti, ci sono Roma, Milano, Firenze, Bari, Prato, la provincia autonoma di Trento e l'Emilia Romagna, scelte ad hoc poiché l'iniziativa punta non soltanto a favorire la digitalizzazione del Paese ma vuole far decollare le zone turistiche per facilitare l'accesso al patrimonio e ai servizi collegati ai visitatori italiani e, soprattutto, stranieri.

Come usare WiFi Italia

L'applicazione può essere scaricata dal sito wifi.italia.it/it/ (seguendo il link: wifi.italia.it/it/scarica-l-app/#scarica) e installata sul proprio dispositivo mobile e, una volta compiuta la registrazione con nome utente (email) e password, permette di gestire il collegamento e l'autenticazione sulla rete WiFi sotto la cui copertura ci si trova in quel momento. Turisti e cittadini potranno navigare in tutte le reti federate distribuite sul territorio nazionale, e nei nuovi punti di accesso che saranno posizionati con particolare attenzione ai luoghi del turismo e della cultura. L'accesso alla rete avverrà in modalità automatica e trasparente al cittadino: cioè senza che questi si debba nuovamente autenticare. Alcuni utenti hanno segnalato non poche difficoltà ad inserire la propria data di nascita in fase di registrazione: in realtà basta toccare l'anno per completare il passaggio in pochi secondi.

Un sistema che da un lato garantisce semplicità per il fruitore che ha un unico sistema di accesso automatizzato, dall'altro è vantaggioso anche per i titolari delle reti federate poiché possono dare accesso ad altri utenti senza dover richiedere nuove registrazioni. L'applicazione consentirà l'utilizzo di servizi centralizzati o locali quali informazioni, servizi di acquisito biglietti e/o consultazione di contenuti.




(15/07/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Inammissibile il ricorso? Cassazione condanna il difensore in proprio al pagamento delle spese legali
» È lecito girare nudi per casa?
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
In evidenza oggi
Vittima di violenza sessuale: l'avvocato è sempre gratisVittima di violenza sessuale: l'avvocato è sempre gratis
Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoroSeparazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF