Sei in: Home » Articoli

Autovelox: addio ai cartelli di avviso

Allo studio del Governo un decreto legge per eliminare le indicazioni di autovelox e tutor dalle strade, da internet e app
un autovelox su strada

di Gabriella Lax - Frenate ed improvvisi e pericolosi rallentamenti o cambi di carreggiata causati dalla visione dei cartelli che segnalano gli autovelox o tutor. Sono questi i motivi di sicurezza che starebbero spingendo il governo italiano a mettere in atto un decreto legge per eliminare le indicazioni di autovelox e tutor sia dalle strade sia dai siti internet e dalle applicazioni.

Autovelox, il comportamento pericoloso degli automobilisti

Alla base dell'idea di eliminare le indicazioni riguardanti autovelox e tutor dalla cartellonistica stradale è la misura preventiva pensata per dare agli automobilisti una maggiore sicurezza sulle strade di tutti i giorni. Guidatori che, di fronte ai cartelli che intimano rallentamenti in vista di tutor o autovelox, non si limitano a rallentare, ma frenano bruscamente per evitare probabili multe rappresentano infatti scene di tutti i giorni. Ma si tratta di movimenti e manovre che sovente sono causa di tamponamenti o di ben più gravi incidenti.

Autovelox e tutor, «Illogico segnalare un controllo di polizia»

Come riporta Repubblica, a detta del Procuratore Generale di Roma Giovanni Salvi «il fatto di segnalare con anticipo un controllo di polizia è una cosa illogica e che molte volte rende di fatto inutile il pattugliamento. Levare queste segnalazioni preventive rimetterà legalità sulle nostre strade: deve passare il concetto che gli automobilisti devono sempre viaggiare entro i limiti di velocità, non solo quando ci sono i controlli».

(08/07/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF