Sei in: Home » Articoli

Lavoro: obbligo di firma in questura per il furbetto del cartellino

La misura di sicurezza si applica anche al complice, che utilizza i badge dei colleghi per coprirli
lavoratrice che mostra badge

di Valeria Zeppilli – Chi aiuta il collega a truffare il datore di lavoro, strisciando il badge al posto suo, può essere a ragione sottoposto all'obbligo di firma presso la polizia giudiziaria: il reato integrato è quello della truffa in concorso con altri e la misura cautelare è giustificata.

Con la sentenza numero 32942/2017 (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha infatti confermato la misura cautelare in danno di un uomo che era indagato per aver falsamente timbrato il cartellino di altri colleghi al fine camuffare le loro assenze ingiustificate dal lavoro.

Nell'applicare la misura, il giudice del merito aveva fornito un'ampia e persuasiva motivazione delle ragioni a sostegno della sua decisione: l'uomo aveva per oltre tre mesi strisciato il badge dei colleghi, più precisamente per 34 volte nell'arco temporale in contestazione.

Coincidenze temporali

Ad incastrare l'imputato, in particolare, è stata la coincidenza temporale tra la propria obliterazione e quella dei colleghi assenti: un elemento che, per i giudici, deve essere ritenuto fortemente indiziario della condotta contestata, specie in assenza di "elementi perturbatori della sequenza causale ricostruita".

Con l'occasione la Corte ha anche precisato che il giudice, di fronte a posizioni analoghe o a impostazioni che descrivano fatti commessi in maniera seriale, può ricorrere a una valutazione cumulativa per decidere se applicare la misura cautelare, senza dover ribadire volta per volta le regole di giudizio che lo hanno ispirato.

Corte di cassazione testo sentenza numero 32942/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(07/07/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF