Sei in: Home » Articoli

Scuola: pubblicati dal ministero i risultati della mobilità per l'infanzia

Sul sito del Miur i risultati per garantire un avvio ordinato del prossimo anno scolastico
insegnante scuola che mostra contratto evoca professore precario che vuole diritti

di Marina Crisafi - Dopo quelli della primaria, resi noti nei giorni scorsi, sono stati pubblicati oggi i risultati della mobilità della scuola dell'infanzia, in base alla scadenza fissata e comunicata dal ministero alle insegnanti e agli insegnanti. A comunicarlo è una nota del Miur dove si spiega che per il 2017 è stato previsto un "cronoprogramma anticipato delle operazioni" al fine di garantire agli studenti continuità didattica e docenti in cattedra sin dall'inizio del prossimo anno scolastico.

La procedura della mobilità

La mobilità, ossia la procedura mediante la quale i docenti possono chiedere di cambiare la propria sede di lavoro o il grado di istruzione in cui insegnano, per quest'anno è su base volontaria. Le regole sono state concordate tra ministero e sindacati, in conformità a quanto previsto dalla legge.

Le richieste di mobilità per il 2017

Sono oltre 139.500 le domande di mobilità presentate a livello nazionale. Gli elenchi dei trasferimenti relativamente alla scuola dell'infanzia sono stati inviati oggi dal Miur agli uffici scolastici territoriali.

In merito, le domande, scrive il ministero, sono state quasi 16mila, di cui 12.814 per il cambiamento di sede e quasi 3.200 per il passaggio in un diverso grado di istruzione.

Quanto ai risultati, comunica infine la nota, il 46,6% delle richieste è stato soddisfatto e oltre mille docenti hanno potuto cambiare regione.

(19/06/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF