Sei in: Home » Articoli

Cassazione: ex marito troppo presente? E' stalking

Accertati i disagi psicologici della vittima, è corretta la condanna per atti persecutori
donna spaventata da uomo che fa stalking

di Valeria Zeppilli – Il marito che è troppo presente nella vita della ex moglie rischia di essere condannato per stalking. Questa, almeno, è la sorte che è recentemente toccata a un uomo, condannato in via definitiva dalla Corte di cassazione per il reato di atti persecutori, oltre che per inosservanza delle disposizioni del giudice.

Stalking: conseguenze psicologiche della condotta

Ad aver causato la condanna dell'imputato, come si legge nella sentenza numero 24795/2017 qui sotto allegata, era stato il non essersi attenuto ai giorni e agli orari stabiliti per far visita al figlio e l'aver imposto la sua presenza in maniera eccessiva e incontrollata.

Per la Cassazione, provate le conseguenze subite dalla moglie in termini di mutamento delle proprie abitudini di vita e disagio psicologico, non serve a nulla tentare di provare il disinteresse dell'uomo a riallacciare un rapporto con la ex. Specie se il comportamento tenuto ha cagionato anche dei traumi psicologici al figlio minore, che si sono aggiunti ad una predisposizione genetica, aggravandola.

Dinanzi a tale quadro e a una compiuta ed esatta ricostruzione della Corte d'appello, tutte le numerose doglianze proposte dall'uomo sono cadute nel nulla.

Si pensi, ad esempio, alla valutazione delle prove: con il ricorso l'imputato ne ha proposto una rivisitazione, deducendo vizio di motivazione anziché travisamento di prova, ma, per la Cassazione, la Corte territoriale ha esaminato le diverse testimonianze in maniera puntuale "mettendone in risalto lo specifico contenuto di conforto alla tesi accusatoria e, di converso, l'irrilevanza del narrato portato a discolpa, illustrandone le ragioni".

Per l'uomo non è quindi possibile sottrarsi alla condanna.

Corte di cassazione testo sentenza numero 24795/2017
Vedi anche:
La guida completa sul reato di stalking
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(19/05/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Gli elementi del reato
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Canone Rai: ancora 6 giorni per chiedere l'esenzione
In evidenza oggi
Processo tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagareProcesso tributario: sentenza sospesa se il debitore non può pagare
Condominio: per la revoca dell'amministratore non serve l'avvocatoCondominio: per la revoca dell'amministratore non serve l'avvocato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo